13.9 C
Belluno
mercoledì, Gennaio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Via ai lavori della bretella tra il casello di Vittorio Veneto sud...

Via ai lavori della bretella tra il casello di Vittorio Veneto sud e l’Alemagna

“Non è possibile battagliare per cinque anni per fare una strada indispensabile come questa. Un’opera pubblica è un fatto di civiltà. Ma in Italia abbiamo ancora l’ufficio complicazioni affari semplici, del quale però siamo stanchi: abbiamo le risorse perché le tasse le paghiamo e abbiamo voglia di realizzare ciò che serve alle nostre comunità, cittadini e amministratori, che siano della Lega, di centro o di sinistra. Siamo disposti a discutere ma poi le opere pubbliche devono essere fatte”. Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia, intervenendo questa mattina a Vittorio Veneto all’avvio dei lavori per la realizzazione della nuova bretella che collegherà il casello di Vittorio Veneto Sud dell’Autostrada A 27 e la Strada Statale n. 51 di Alemagna, eliminando dai quartieri della zona l’attuale pericoloso traffico dei mezzi, molti dei quali pesanti, in ingresso e in uscita dal casello stesso. Alla cerimonia sono intervenuti anche il sindaco di Vittorio Veneto Gianantonio Da Re e il presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro, che ha simbolicamente dato il primo colpo di benna.“In provincia di Treviso – ha ricordato Zaia – in circa un decennio il numero delle vittime della strada è sceso dalle 187 unità l’anno (il 46 per cento delle quali al di sotto dei 30 anni) alle 60 – 70. Non siamo dunque rimasti a guardare rispetto alla contabilità delle tragedie ma ci siamo impegnati per risolvere un grande problema come quello della sicurezza stradale. Per l’opera che avviamo oggi ci sono invece voluti 5 anni dalla firma dell’accordo per arrivare all’inizio dei lavori: abbiamo le tasche piene di pagare tasse e non vederle tornare sul territorio. L’esatta concretezza di cosa significhi federalismo è questa: vogliamo che le cose funzionino”. “Ringrazio anche io, come il sindaco, gli espropriati – ha concluso Luca Zaia –che volenti o nolenti hanno dovuto mettere a disposizione un pezzo di terra per dare un contributo alla comunità. Farsi espropriare non è un affare, e spesso non c’è solo una questione di valore monetario, perché in un terreno e in una casa possono esserci le storie di una famiglia. Loro hanno dato un contributo ancora maggiore e più concreto alla comunità dove vivono, grazie di cuore”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sanità. Dal I° febbraio riprendono le visite specialistiche. Situazione vaccini

Da lunedì I° febbraio negli ospedali del Veneto riprenderà l'attività di specialistica ambulatoriale a 30 e 60 giorni e di libera professione intra moenia....

Elettrodotto Polpet-Scorzè. Comitati veneti: si faccia con interramento e schermatura cavi lungo l’A27

In merito all'incontro di domani, 27 gennaio 2021, del Gruppo Tecnico istituito dalla Regione Veneto, per verificare con i territori, le politiche e i...

Oggi la commemorazione del 77mo anniversario della battaglia di Nikolajewka

Belluno, 26 gennaio 2021  -  Si è tenuta oggi, presso il Monumento dedicato ai Caduti e Dispersi in Russia, al Parco Città di Bologna, la...

Amici della bicicletta: no al proseguimento della strada interna della Veneggia attraverso il quartiere di Cavarzano

FIAB Belluno, in quanto portatore d’interesse nei confronti del P.A.T. (Piano di Assetto Territoriale), segue con particolare attenzione il dibattito sul proseguimento della strada interna della...
Share