13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 20, 2021
Home Cronaca/Politica Via ai lavori della bretella tra il casello di Vittorio Veneto sud...

Via ai lavori della bretella tra il casello di Vittorio Veneto sud e l’Alemagna

“Non è possibile battagliare per cinque anni per fare una strada indispensabile come questa. Un’opera pubblica è un fatto di civiltà. Ma in Italia abbiamo ancora l’ufficio complicazioni affari semplici, del quale però siamo stanchi: abbiamo le risorse perché le tasse le paghiamo e abbiamo voglia di realizzare ciò che serve alle nostre comunità, cittadini e amministratori, che siano della Lega, di centro o di sinistra. Siamo disposti a discutere ma poi le opere pubbliche devono essere fatte”. Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia, intervenendo questa mattina a Vittorio Veneto all’avvio dei lavori per la realizzazione della nuova bretella che collegherà il casello di Vittorio Veneto Sud dell’Autostrada A 27 e la Strada Statale n. 51 di Alemagna, eliminando dai quartieri della zona l’attuale pericoloso traffico dei mezzi, molti dei quali pesanti, in ingresso e in uscita dal casello stesso. Alla cerimonia sono intervenuti anche il sindaco di Vittorio Veneto Gianantonio Da Re e il presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro, che ha simbolicamente dato il primo colpo di benna.“In provincia di Treviso – ha ricordato Zaia – in circa un decennio il numero delle vittime della strada è sceso dalle 187 unità l’anno (il 46 per cento delle quali al di sotto dei 30 anni) alle 60 – 70. Non siamo dunque rimasti a guardare rispetto alla contabilità delle tragedie ma ci siamo impegnati per risolvere un grande problema come quello della sicurezza stradale. Per l’opera che avviamo oggi ci sono invece voluti 5 anni dalla firma dell’accordo per arrivare all’inizio dei lavori: abbiamo le tasche piene di pagare tasse e non vederle tornare sul territorio. L’esatta concretezza di cosa significhi federalismo è questa: vogliamo che le cose funzionino”. “Ringrazio anche io, come il sindaco, gli espropriati – ha concluso Luca Zaia –che volenti o nolenti hanno dovuto mettere a disposizione un pezzo di terra per dare un contributo alla comunità. Farsi espropriare non è un affare, e spesso non c’è solo una questione di valore monetario, perché in un terreno e in una casa possono esserci le storie di una famiglia. Loro hanno dato un contributo ancora maggiore e più concreto alla comunità dove vivono, grazie di cuore”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...

Pubblicato dalla Regione l’elenco dei maestri artigiani: per Confartigianato Belluno c’è Antonio Da Ronch, restauratore

Antonio Da Ronch, titolare della Adr Restauri di Feltre, è il primo associato di Confartigianato Belluno a essere insignito della qualifica di maestro artigiano...

Malore mortale sotto il Rifugio 7mo Alpini

Belluno, 18 - 06 - 21 - Attorno alle 13.20 il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato a seguito della chiamata della gestrice...
Share