13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 8, 2021
Home Cronaca/Politica Bond, fischi per fiaschi. Aveva dichiarato: “Solo completando l’alta velocità Milano-Venezia-Trieste saranno...

Bond, fischi per fiaschi. Aveva dichiarato: “Solo completando l’alta velocità Milano-Venezia-Trieste saranno giustificati tutti gli investimenti già fatti su scala nazionale”. Per gli autori dello studio invece “Sarebbe più utile per la Regione avere servizi regionali e interregionali di qualità per i pendolari”

Precisazione relativa all’articolo “Bond: solo completando l’alta velocità Milano-Venezia-Trieste saranno giustificati tutti gli investimenti già fatti su scala nazionale” del 27 luglio 2010. Siamo gli autori dello studio pubblicato su laVoce.info   http://www.lavoce.info/articoli/pagina1001824-351.html e citato il giorno 27 luglio dal consigliere regionale del Pdl Dario  Bond. Ci preme sottolineare come il senso del nostro lavoro sia stato completamente stravolto. In particolare abbiamo sostenuto che di tutte le linee AV esistenti, solo la Milano-Roma ha qualche senso economico in termini di costi che il paese nel suo complesso ha sostenuto e benefici goduti dagli utenti. Per le altre linee i numeri sono tali che risultano totalmente ingiustificabili: “Se da un lato le due linee contribuiscono infatti a “fare sistema” e creano una parte del traffico oggi esistente sull’asse centrale, dall’altro è evidente che il traffico che le utilizza è davvero troppo scarso per giustificare l’investimento. In particolare, la Torino – Milano rappresenta un grave insuccesso” sono le nostre parole nell’articolo originale e non ci sembra siano mal interpretabili. Quanto alla Milano – Venezia, non era oggetto dell’articolo, non essendo una linea in esercizio e non potendo quindi farne un bilancio. Le conclusioni dell’assessore sono quindi da considerarsi sue e non nostre. Tuttavia, se la nostra opinione fosse di interesse per i lettori, crediamo che sulla linea non manchi certo la domanda, ma questa domanda non è quella tipica dei servizi ad alta velocità, percorrendo in media un centinaio di kilometri. Sarebbe molto più utile per la Regione (e per il paese) avere o chiedere servizi regionali e interregionali di qualità per i pendolari, ove necessario anche attraverso interventi infrastrutturali mirati, e favorire la competizione sui servizi intercity a media e lunga distanza. Treni moderni e basse tariffe verrebbero in pochi anni da sé (e non nel 2020) e varrebbero molto più del cemento, degli enormi costi pubblici e del risparmio di mezz’ora di viaggio tra le città più lontane.

Paolo Beria
Raffaele Grimaldi
Marco Ponti
Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Politica di Trasporti – TRASPOL
Milano, 29 Settembre 2010

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share