13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 24, 2021
Home Cronaca/Politica Interrogazione parlamentare. Radicali: no al prolungamento dell'autostrada A27, sì alla ferrovia

Interrogazione parlamentare. Radicali: no al prolungamento dell’autostrada A27, sì alla ferrovia

Nella seduta n.368 del 15 settembre 2010 i deputati radicali Zamparutti, Beltrandi, Farina Coscioni, Mecacci e Turco, hanno presentato un’interrogazione al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. Per saperne di più sul progetto di prolungamento dell’autostrada A27 da Pian di Vedoia a Pieve di Cadore, in provincia di Belluno. In particolare:
l’elaborato del progetto, in discussione dal 2007 è stato presentato a Longarone il 15 luglio e vedrebbe coinvolte la Rock Soil, Technital, Idroesse, Hidrostudio con il coordinamento progettuale affidato alla Territorio srl. La copertura economica è garantita da una proposta di finanza di progetto firmata dalle imprese Grandi Lavori Fincosit, Adria Infrastrutture e ingegner E. Mantovani. La concessione avrà una durata di 40 anni a decorrere dalla fine dei lavori;
l’infrastruttura dovrebbe essere lunga 21 chilometri, per metà in galleria, per il resto su rilevato o viadotto, e si svilupperà lungo la stretta valle del Piave affiancandosi alla statale 51 di Alemagna, alle varianti già aperte e alla linea ferroviaria in esercizio;
il costo dell’opera che si aggirerà sui 4,5 miliardi di euro, finanziata da privati che puntano sui pedaggi per rientrare con gli investimenti. Lo Stato interverrà con opere complementari;
secondo comitati in difesa del territorio, comitato Pas Dolomiti-comitato interregionale Carnia-Cadore, il progetto presenta criticità sotto l’aspetto ambientale ed è in aperta contraddizione con il recente riconoscimento da parte dell’Unesco delle Dolomiti come patrimonio dell’umanità. Inoltre, non risolverebbe i problemi di mobilità e di viabilità sul tappeto. Anzi, provocherebbe diversi disagi in quanto, interrompendosi alle porte di Pieve di Cadore, porterebbe al collasso le strade ordinarie in direzione Centro Cadore-Auronzo-Comelico, da una parte, e Valle del Boite-Cortina dall’altra, rendendo invivibili i paesi attraversati dall’opera;
ancora, il progetto contrasta con le direttive europee che prevedono uno progressivo spostamento del traffico merci dalla strada alla rotaia e con la Convenzione delle Alpi, che pone il veto ad ogni nuovo attraversamento autostradale delle Alpi e che pone l’obiettivo di diminuire l’impatto dei trasporti sull’ambiente attraverso il graduale trasferimento delle merci dalla gomma alla rotaia -:
di quali informazioni disponga in merito il Governo;
I radicali chiedono quali misure si intendano adottare in merito all’elevato impatto ambientale che deriverebbe dall’opera ed il possibile ontrasto con direttive europee e con la Convenzione delle Alpi;
in che modo si intenda invece sostenere il collegamento della provincia di Belluno con l’Europa tramite una linea ferroviaria.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share