13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeCronaca/PoliticaCortina: Bond e Cortellazzo, il Tricolore sulla divisa della Protezione civile non...

Cortina: Bond e Cortellazzo, il Tricolore sulla divisa della Protezione civile non si tocca!

Dario Bond
Dario Bond

Inizio con un richiamo forte da Cortina al Presidente Luca Zaia da parte del capogruppo e del vice capogruppo del PdL in Consiglio regionale, Dario Bond e Piergiorgio Cortelazzo. I due esponenti del PdL invitano con forza il Presidente della Regione del Veneto a rimettere il tricolore sulla divisa della Protezione civile. “Questa è la nostra linea del Piave – hanno precisato – perché sui valori dell’unità nazionale non si transige. La Protezione civile del Veneto è istituita per la prevenzione e il soccorso in tutta Italia e in tutto il mondo e non può essere trattata come una istituzione di parte. L’unità della Protezione civile non può essere messa in discussione in nessun modo perché tocca i valori profondi di solidarietà del popolo veneto e tocca la generosità e il cuore di oltre 16.000 volontari. L’unità e il significato della Protezione civile è nei valori e nella struttura operativa nazionale alla stessa stregua del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, delle forze di Polizia o del Corpo Forestale dello Stato. La presenza e gli interventi della Protezione civile del Veneto hanno contribuito in pieno alla costruzione dell’identità nazionale del volontariato più attivo portando prestigio all’Italia in tutto il mondo. Pensare di disarticolare o spezzare il sistema della Protezione civile nazionale significa sfregiare lo spirito di solidarietà che unisce i volontari italiani tra loro e il volontariato di tutto il mondo. Togliere il tricolore dalla divisa della Protezione civile è un atto di disprezzo prima nei confronti di decine e decine di migliaia di volontari e quindi di disprezzo per l’unità nazionale.”

- Advertisment -

Popolari