13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 24, 2021
Home Cronaca/Politica Donato al Comune il Monumento ai Reduci di Russia dell'artista Massimo Facchin

Donato al Comune il Monumento ai Reduci di Russia dell’artista Massimo Facchin

Massimo Facchin
Massimo Facchin

L’Associazione Reduci di Russia, sezione di Belluno, ha donato al Comune di Belluno un monumento bronzeo. L’opera è dedicata ai Reduci di Russia ed è dello scultore cittadino Massimo Facchin, egli stesso sopravvissuto alle vicissitudini della Seconda Guerra Mondiale proprio sul Fronte russo. L’opera verrà scoperta domenica 26 settembre, in occasione di una importante cerimonia che si propone, al Parco Città di Bologna, di ricordare i 40 anni dell’Associazione. “L’Associazione dei Reduci di Russia – ha detto il sindaco, Antonio Prade – ha compiuto un gesto di gratitudine nei confronti dei cittadini bellunesi che abbiamo molto apprezzato. Si tratta di un’opera d’arte che non solo arricchisce il nostro patrimonio artistico, ma anche, e soprattutto, il patrimonio di valori umani e civili che i Reduci di Russia hanno sempre testimoniato. Per questo, per il 26 settembre, stiamo lavorando per organizzare una bella cerimonia”
* nell’immagine, “L’albero della Pace”, particolare del monumento.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share