13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 8, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Daniela Nicosia debutta a Padova con il suo Galileo

Daniela Nicosia debutta a Padova con il suo Galileo

Prestigiosissima presenza al Teatro Verdi di Padova di Galileo della regista e drammaturga Daniela Nicosia (nella foto), venerdì 17 settembre alle ore 21:00, nell’ambito del Festival Nazionale del Teatro Veneto Sguardi.
Lo spettacolo, che è già stato molto apprezzato dal pubblico e dalla critica nelle repliche seguite al debutto di marzo in occasione delle celebrazioni per l’anno galileiano, avrà l’occasione di confrontarsi con una platea di oltre centocinquanta fra operatori e critici teatrali che dal 16 al 18 settembre giungeranno a Padova da tutta Italia per partecipare al festival-vetrina Sguardi. L’accuratissimo lavoro drammaturgico di Daniela Nicosia, partito dai materiali di prima mano forniti dal Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova, propone la figura di Galileo Galilei – fisico, filosofo, astronomo, matematico, padre della scienza moderna – non solo per quelle che sono state le sue grandi intuizioni e scoperte scientifiche, ma anche svelandone un ritratto intimo, personale ed emozionale rintracciato tra i carteggi e le epistole che lo stesso Galileo scrisse alla figlia Suor Celeste. Un testo vibrante che trasfonde l’emozione profonda dell’uomo laddove si palesa attraverso il suo pensiero più intimo. Una sorta di Galileo privato, che rivisita la vicenda umana del grande filosofo della natura, come lui stesso amava definirsi, attraverso la relazione con quattro donne della sua vita: la madre Giulia Ammannati, la figlia Suor Maria Celeste, l’amante Marina Gamba, e la governate che gli resterà accanto fino alla fine. Se la prima, con i suoi eccessi di follia, ha pesantemente segnato l’infanzia del giovane Galileo e, in seguito, tutta la sua esistenza, nel rapporto con le altre possiamo scorgere gli aspetti più umani dello scienziato, le sue debolezze, la passione amorosa mai paga, il bisogno d’amore, la necessità di un interlocutore femminile acuto, quale solo la figlia seppe essere.
Virginia, all’ordine Suor Maria Celeste, morirà in giovane età, dopo il processo – da parte dell’Inquisizione – subito dal padre, che le sopravviverà fino all’età di settantotto anni.
Nello spettacolo, grazie ad un andamento diacronico delle differenti sequenze sceniche, incontreremo Galileo nel corso della sua lunga vita, dal periodo padovano  i suoi anni migliori, trascorsi quale professore nella famosa Università, il Bo – a quello fiorentino, nella quiete di Bellosguardo e presso la corte Medicea, quale filosofo personale del Serenissimo Granduca di Toscana; dalle prime osservazioni al cannocchiale, fino agli ultimi suoi giorni al Gioiello, vicino al monastero di Arcetri, dove la figlia viveva in clausura.
Un inarrestabile flusso di ricordi caratterizza il testo, componendo dettagli, quelle piccole cose di cui è fatta la vita, anche quella di un uomo speciale quale Galileo. Visioni, suggerite dalla lucidità della mente, seppur nel buio della cecità che accompagna la sua vecchiaia.
Il rapporto con il mondo femminile e con i suoi interlocutori scientifici, quello con il potere attestato da parole atte a nascondere e a rivelare allo stesso tempo, compongono il profilo complesso e a tratti sorprendente di colui che seppe scardinare alle radici il sapere fino ad allora consolidato.
Una ricerca, quella di Galileo, che, attraverso un nuovo metodo di indagine, svela, smaschera presupposti, traccia nuove traiettorie per l’umanità, coinvolgendo ambiti diversi quali la scienza, la filosofia, la teologia.
Dietro c’è l’uomo, con i suoi dubbi, le sue paure, le sue meschinità. Galileo, nello spettacolo, si racconta attraverso un refolo di parole che consuma pensiero e si traduce in linee, forme proiettate sul grande fondale bianco a comporre il firmamento Galileo.
In scena, insieme al protagonista, una sola attrice incarna le quattro donne e si pone, attraverso le differenti figure, quale alter ego, enigmatico, a tratti ironico, dolce e appassionato, del genio sanguigno e vitale.
Una forma di teatro civile che, a partire dall’esperienza di Galileo, in un essenziale, rigoroso, suggestivo contesto scenico, pone interrogativi, suscita riflessioni sull’ancora aperto, complesso dibattito circa i rapporti tra scienza e società, senza rinunciare alla commozione, alle emozioni del gesto, della musica, della parola.
Galileo è una produzione Tib Teatro nata in collaborazione con Università degli Studi di Padova-Dipartimento di Astronomia e Fondazione Teatri delle Dolomiti, su testo e regia di Daniela Nicosia, curatrice anche delle particolarissime scene; sul palco Solimano Pontarollo e Piera Ardessi, consulenza musicale Paolo Da Col, luci e suono Paolo Pellicciari, scenotecnico Luigino Marchetti, costruzione oggetti di scena Luigi Bortot, realizzazione costumi Atelier Raptus & Rose.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ponte nelle Alpi. Luce sulle malattie “invisibili”, la piazza della Poesia si illumina di viola

Avere una malattia rara significa spesso combattere con pregiudizi e diagnosi tardive, tanto che il paziente è indotto a "chiudersi" nel proprio dolore e...

Valanga sulla Tofana di Rozes, travolta una donna

Cortina d'Ampezzo (BL), 08 - 05 - 21    Passate le 9 una valanga si è staccata dalla Tofana di Rozes, 200 metri circa...

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...
Share