13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Stragi di pecore in Cansiglio, la Lega propone uno stanziamento di 150mila...

Stragi di pecore in Cansiglio, la Lega propone uno stanziamento di 150mila euro per risarcire gli allevatori

Palazzo Balbi
Palazzo Balbi

Prevedere un apposito e specifico stanziamento di 150.000 euro all’interno della manovra di assestamento di bilancio 2010, a favore di Veneto Agricoltura e delle aziende agricole del Cansiglio a titolo risarcitorio per i danni patiti in quest’anno. E’ la richiesta contenuta in un’interrogazione a risposta immediata alla Giunta regionale, depositata ieri dai consiglieri leghisti Giovanni Furlanetto (primo firmatario), Gianpiero Possamai, Federico Caner, Matteo Toscani e Luca Baggio, prendendo spunto dagli ultimi episodi denunciati dall’ANPA. “Sul Cansiglio sono stati sbranati agnelli ed ovini da parte di lupi o di volpi, causando perdite economiche agli allevatori che si aggiungono ai 130mila euro di danni provocati dalla proliferazione dei cervi che assorbono circa il 50% del foraggio dei prati e pascoli della Piana – dichiarano i consiglieri del Carroccio -. Un fenomeno del tutto nuovo, le cui verifiche sono ancora in corso sia per la gravità dei fatti che per il numero dei capi coinvolti. Per l’anno 2010, il Piano di Controllo della fauna selvatica non è stato ancora adottato a causa della recentissima approvazione da parte dell’ISPRA, impedendo di fatto il contenimento della popolazione. Proprio per questo nel 2010 i danni alle aziende agricole sono aumentati, da parte non solo dei cervi ma anche di altri predatori come le volpi”.
Da qui l’interrogazione alla Giunta: “Chiediamo di sollecitare quanto prima le autorità per stabilire la provenienza e le cause degli sbranamenti sul Cansiglio. Dello stanziamento di 150.000 euro che la Giunta, auspichiamo, valuterà di inserire nell’assestamento di bilancio 2010, 130.000 euro potrebbero essere devoluti ai danni da cervi, e 20.000 per quelli da sbranamento degli ovini o per fenomeni di randagismo”.

Ecco il testo dell’interrogazione presentata il 9 settembre 2010 dai consiglieri Furlanetto, Possamai, Caner, Toscani, Baggio

PREMESSO che

– il Pian del Cansiglio è una zona di riserva di caccia, protetta ZPS e SIC, situata ai confini tra le Province di Belluno e Treviso, in cui si è sviluppata in maniera esponenziale la fauna selvatica ( cervi, volpi, lince e altro) e che tale fauna arreca annualmente numerosi danni alle aziende agricole e agli allevamenti presenti nella Piana ( vacche da latte, pecore etc.);

– la Regione del Veneto nell’anno 2009 ha stanziato fondi per il risarcimento dei danni ai produttori agricoli arrecati da cervi, con adozione di un piano di controllo;

– i produttori agricoli sono stati risarciti dei danni per il periodo 2008/2009;

– per l’anno 2010 il piano di controllo non è stato ancora adottato a causa della recentissima approvazione da parte dell’ISPRA, impedendo di fatto il contenimento della popolazione per l’anno in corso e posticipando di fatto gli effetti del citato piano di controllo e contenimento al 2011;

– le aziende agricole nell’anno corrente hanno patito per intero i danni derivanti dalla prolificazione di cervi che assorbono circa il 40-50% del foraggio dei prati e dei pascoli della Piana del Cansiglio (come da rilievi effettuati da Veneto Agricoltura), calcolati dai produttori in complessivi € 130.000,00;

– nel corso del 2010 si sono altresì verificati nuovi e sorprendenti danni mai prima verificatesi, relativamente allo sbranamento di pecore da parte di volpi o simili, le cui verifiche sono tutt’oggi in corso di controllo da parte degli organi preposti in quanto eventi ancora in atto, e questo particolarmente nell’azienda agricola Gava Alex in Valmenera in cui sono state già sbranati 25 capi ovini di razza Alpagota ( in via di estinzione);

– da parte degli allevatori sono già stati informati il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia provinciale di Belluno, l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie e l’Azienda ULSS competente per territorio;

tutto ciò premesso,
interroga la Giunta Regionale

per sapere se intende:

1) sollecitare le autorità preposte per stabilire la provenienza e le cause dei sbranamenti citati in premessa;

2) prevedere un apposito e specifico stanziamento con la manovra di assestamento di bilancio per l’anno 2010 di prossimo esame, pari ad almeno un importo di € 150.000,00 a  favore di Veneto Agricoltura, esclusivamente destinati interamente, alle aziende agricole presenti nella Piana del Cansiglio a titolo risarcimento dei danni patiti nell’anno 2010 e da ripartirsi possibilmente nel seguente modo:
– danni per cervi € 130.000,00;
– danni per sbranamenti animali ovini da parte fauna selvatica o fenomeni di randagismo € 20.000,00.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sopralluogo nelle ski aree. Bortoluzzi e De Toni: «Il sistema è in sofferenza. Per questo abbiamo varato la manovra da 500mila euro per gli...

Il turismo invernale è in netta difficoltà. E la Provincia ha voluto verificare la situazione. Nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali Danilo De Toni...

Nevicate eccezionali. Vitturi (Lav): “Si sospenda immediatamente la caccia”

“Chiediamo al presidente Zaia un rapido intervento per mettere in sicurezza gli animali sospendendo immediatamente la caccia nelle province interessate dall’emergenza ambientale – dichiara...

Feltre, cestini e cassonetti rifiuti. Forlin: “Insufficienti nel numero e per celerità di svuotamento”

"E’ datata 02/04/2018 l'interpellanza presentata dalla sottoscritta alla attuale amministrazione con la richiesta di implementazione dei cestini presenti in città di Feltre, sia per...

Accordo Enel-Provincia. Vivaio: “Dieci anni di incontri e manifestazioni stanno iniziando a dare qualche risultato”

Dopo anni di battaglie sembra si stia prendendo la direzione giusta. L'accordo Enel-Provincia si sta indirizzando nel verso giusto, con un piano di manutenzione...
Share