13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Voilà chiude domenica alla Birreria Pedavena con le acrobazie su monociclo, magia...

Voilà chiude domenica alla Birreria Pedavena con le acrobazie su monociclo, magia comica e teatro-danza

Dopo le intense giornate feltrine, la Rassegna di arte di strada Voilà si avvia a chiudere anche la sua XII^ edizione con il gran finale nel Parco della Birerria Pedavena  (nel campo coperto di tennis in caso di maltempo). La kermesse prenderà avvio alle ore 16.00 con l’esibizione di Trial su monociclo dell’Associazione Dolomiti Unicyclist: vertiginosi numeri di equilibrismo e acrobazie su una ruota sola, in un percorso appositamente attrezzato nel prato antistante la Birreria, con i più bravi uniclisti del Bellunese, recentemente costituitisi in associazione. A commentare in diretta le azioni più spettacolari, Jari Polla dell’Associazione Improvvirus, qui anche in veste di organizzatore della Mountain Unicycle Italian’s Championship che si terrà a Pedavena il 2-3 ottobre 2010. A seguire, in vari punti del parco verranno effettuate varie performances di arti circensi con musicisti, giocolieri e acrobati della Compagnia Coliflor, di provenienza franco-italo-cilena. Verso le ore 18.00 andrà in scena sul Tetro Verde Benjamin Delmas, eclettico artista di origine francese, vissuto a lungo in Inghilterra per diventare poi torinese, in uno dei suoi personaggi più esilaranti: Mago B(astard), un prestigiatore politicamente scorretto. Presentandosi con un linguaggio piuttosto colorito, tra un numero e l’altro di magia comica, non esita a prendersi gioco del pubblico, in un irresistibile vortice di follie e di risate, dosando ironia e provocazione, abilità circensi, teatro fisico e cabaret post-moderno. Conclusione della serata e del festival alle ore 20.30 ancora con la  Compagnia Coliflor (= cavolfiore in fr.), qui in veste corale per rappresentare lo spettacolo “Salir”, che l’ha resa famosa internazionalmente. Nata dall’incontro tra la “Mini compagnie” (Francia) e la “Belle Pou-belle” (Italia-Cile), con l’appoggio del Cirko Panico, questa formazione, composta da sette artisti, propone una rappresentazione intensa e poetica, dai toni esistenziali, che fonde insieme teatro, musica eseguita dal vivo, acrobazia e danza. Viaggiando tra il reale e l’onirico, “Salir” affronta l’eterna lotta con i propri dilemmi interiori e collettivi, alla ricerca di un equilibrio difficile da mantenere, attraverso la rappresentazione simbolica di grandiose architetture umane, danze rituali e manipolazione d’oggetti. Un raffinato esempio di teatro-circo, adatto anche ai bambini, che risveglia emozioni inconsuete, dimostrando quanto inconsistente possa risultare l’apparenza delle cose. Con quest’ultima performance anche per quest’anno  si spegneranno le luci sulla ribalta di Voilà, in attesa di riaccendersi il prossimo anno con nuove stimolanti proposte di un genere artistico in continua evoluzione e che sembra non aver mai fine… Organizzazione: Comune di Pedavena e di Feltre, in collaborazione alla Regione Veneto e Provincia di Belluno. Info 349.8421499.

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share