13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 28, 2023
Home Lavoro, Economia, Turismo Il Veneto è la terza Regione per contributo al Pil nazionale, con...

Il Veneto è la terza Regione per contributo al Pil nazionale, con il 9,4%. Ma diminuiscono le imprese attive

“Le reti economiche” sono un altro dei nodi fondamentali presi in esame nell’edizione 2010 del Rapporto Statistico sul Veneto, di recente presentato a Venezia dal vicepresidente della giunta regionale Marino Zorzato. Nella seconda parte del rapporto sono presentati infatti in sintesi i risultati delle elaborazioni statistiche relative ai processi di sviluppo dell’economia veneta. Il confronto tra il dato annuale 2009 e quelli relativi al primo trimestre del 2010 conferma per l’Italia le tendenze moderatamente favorevoli che fanno intravedere la ripresa, anche se lenta e discontinua. L’economia veneta ha tenuto maggiormente rispetto alla media nazionale e ai territori considerati suoi competitori (Lombardia, Piemonte). Il Veneto si conferma inoltre la terza regione per contributo al PIL nazionale, con una quota del 9,4% (dato 2008). L’export veneto nel primo trimestre 2010 ha fatto registrare una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per quanto riguarda lo sviluppo demografico imprenditoriale del Veneto, il 2009 si è chiuso con un numero di imprese attive pari a 458.352 (-0,9% rispetto al volume dell’anno precedente, -0,4% senza considerare il settore agricolo). Nel primo trimestre 2010 il dato è meno negativo: -0,7% di imprese attive (che arriva però a -1,9% per le imprese artigiane). Il rapporto fa rilevare tra l’altro che le alleanze tra le imprese e gli istituti di ricerca e gli enti destinati all’innovazione è per la maggior parte delle aziende italiane – di tutte le dimensioni – non più un’opzione, ma una necessità per sopravvivere e reggere alla pressione competitiva globale. Incrociando i dati disponibili con quelli dell’indagine del Centro di ricerca Met (Monitoraggio Economia Territorio) del 2009, risulta che quasi la metà delle imprese venete che svolgono attività di ricerca e sviluppo hanno rapporti di collaborazione con soggetti esterni. In generale la preferenza degli imprenditori va alla cooperazione con le Università, sia venete (9,6%), che di altre regioni (9,7%), sia estere (2,9%). Tale attività è risultata negli ultimi anni in particolare evoluzione nella regione. Per quanto riguarda la spesa, l’ultimo dato ufficiale disponibile è relativo al 2007 e dice che in Veneto sono stati spesi 1.232 milioni di euro in ricerca e sviluppo: Questo valore pone il Veneto in quinta posizione nella graduatoria delle regioni italiane, ma in seconda posizione in termini di evoluzione, con un aumento del 29,4% rispetto all’anno precedente. Il 59,3% di tale spesa è attribuibile alle imprese.

Share
- Advertisment -

Popolari

Soccorso alpino e droni: attività e prospettive

Il passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino...

Moda: gli accessori più importanti per una donna

Per rendere meglio l'idea potremmo dire che gli accessori femminili stanno all'abbigliamento come l'illuminazione sta all'arredamento di una stanza. Se scelti bene, possono far...

Caso Miramonti. L’immobiliarista Corsini scrive a tutte le autorità elencando le criticità rilevate

C’è un nuovo intervento dell’immobiliarista romano Matteo Corsini che oggi ha inviato una comunicazione a tutte le autorità sul caso del Grand Hotel Miramonti...

Safilo Longarone. Segreterie regionali Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil: 472 lavoratori ritenuti non più strategici

Ieri, giovedì 26 gennaio presso la sede di Veneto Lavoro, si è tenuto alla presenza dell’Assessore Elena Donazzan l’incontro fra le OO.SS e l’Amministratore...
Share