13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica Telefonia.Il Consiglio regionale apre il bando per il passaggio alla tecnologia VoIp....

Telefonia.Il Consiglio regionale apre il bando per il passaggio alla tecnologia VoIp. Toscani: “Illogico che i costi di gestione fossero più onerosi delle tariffe”

Matteo Toscani
Matteo Toscani

“La gestione del sistema di telefonia del Consiglio regionale, per tutte le sue sedi, è addirittura più onerosa dei canoni delle compagnie. In un periodo di crisi, questo è intollerabile: abbiamo quindi deciso di adeguare ai tempi anche questo capitolo di spesa, sfruttando la tecnologia esistente e ottimizzando le risorse pubbliche”. Il vicepresidente del Consiglio regionale Matteo Toscani annuncia così l’intenzione, deliberata dall’Ufficio di presidenza di palazzo Ferro Fini, di passare dall’attuale sistema telefonico alla tecnologia VoIP (Voice on Internet Protocol) attraverso una gara pubblica per un periodo di 6 anni estensibili a 9. “Oggi il costo medio annuale del sistema telefonico del Consiglio si aggira sui 300.000 euro solo per la gestione. Le spese di canoni e consumi sono ben inferiori, e pari a 200.000 euro – dichiara Toscani -. Penso sia inopportuno a questo punto continuare a pagare con soldi pubblici più per la gestione del sistema che per le tariffe. Come Ufficio di presidenza del Consiglio, vista anche la contingenza economica, abbiamo deciso di dare un’accelerata alla gara per la fornitura del servizio VoIP con l’applicazione della tariffa più vantaggiosa sotto il profilo tecnico ed economico”. La tecnologia VoIP consentirà di aumentare l’affidabilità del sistema e di ridurre i costi di manutenzione, riqualificando tutta l’infrastruttura telefonica che oggi presenta criticità operative e gestionali oltre alla necessità di mantenere nei magazzini un elevato numero di parti di ricambio. “Il sistema telefonico VoIP, oltre che per l’acclarata qualità e quantità dei servizi offerti, consentirebbe di passare da una spesa media annua di 300.000 euro ad una non superiore a 190.000 euro per i primi sei anni e non superiore ai 120.000 per gli eventuali altri tre di estensione – spiega Toscani -. Certo, anche il VoIP ha dei costi, ma si ammorterebbero in poco tempo. La realizzazione dell’infrastruttura di base è stata stimata sui 500.000 euro, a cui vanno aggiunti i costi delle licenze software (tra gli 80mila e i 100.000 euro). Ipotizzando un tempo di ammortamento di sei anni, si ha una spesa complessiva valutabile tra 980.000 e 1.150.000 euro, con un costo medio annuo compreso appunto tra i 163.000 e i 190.000 euro (che diventerebbero 120.000 negli ultimi eventuali tre anni)”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo di inizio dicembre. Il Comune di Belluno segnala danni per 1,6 milioni

Ammonta a poco meno di 1,6 milioni di euro (per la precisione 1.583.800 euro) la conta dei danni segnalati dal Comune di Belluno alla...

Crisi di governo. Cosa dicono gli imprenditori del Nord-Est

Giornata campale per il Governo, alle prese con la richiesta di fiducia al Senato, e mondo economico preoccupato. La prospettiva, infatti, sembra consegnare una...

Belluno Alpina, obbiettivo 2021: cantierare la scuola della montagna a Ronce per tutte le Prealpi

Nuovo anno con nuove forze e vecchi obbiettivi per l'associazione Belluno Alpina: “Il 2021 deve portare l'associazione a un momento di riflessione di riorganizzazione...

Antitrust. La vittoria di Valeria Arzenton (Zed) contro TicketOne: “La decisione dell’Agcm è un segnale per tutto il settore”

L'Antitrust ha inflitto una multa di oltre 10 milioni di euro a TicketOne per abuso di posizione dominante. Questa la motivazione: il gruppo, che...
Share