13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Cronaca/Politica Marocchino detenuto a Baldenich si cuce la bocca per protesta

Marocchino detenuto a Baldenich si cuce la bocca per protesta

Carcere di Baldenich
Carcere di Baldenich

Nella tarda serata di ieri i poliziotti della Volante intervenivano presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Martino” di Belluno in ausilio a personale medico. Sul posto veniva identificato un cittadino marocchino di 27 anni, attualmente recluso presso la Casa circondariale di Baldenich. L’uomo era stato accompagnato da personale della Polizia penitenziaria presso il nosocomio in quanto poco prima si era autonomamente cucito le labbra con due rudimentali punti di sutura. Con tale condotta intendeva non assumere cibo e liquidi per tre giorni in segno di protesta, ritenendo di non aver ricevuto adeguata assistenza medica per una pregressa frattura ad una gamba. Ricevute le cure del caso veniva riaccompagnato in carcere.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share