13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 15, 2021
Home Cronaca/Politica Bond: solo completando l'alta velocità Milano.Venezia-Trieste saranno giustificati tutti gli investimenti già...

Bond: solo completando l’alta velocità Milano.Venezia-Trieste saranno giustificati tutti gli investimenti già fatti su scala nazionale

Dario Bond
Dario Bond

“Uno studio di Marco Punti, Raffaele Grimaldi e Paolo Beria, realizzato a circa sei mesi dall’inaugurazione della linea Alta velocità Torino-Milano-Roma-Napoli-Salerno – scrive il consigliere regionale del Pdl Dario Bond in una nota –  fa un primo bilancio del livello di utilizzo. Nonostante si tratti di uno studio di stima perché “non si tiene conto di quanto i treni siano effettivamente usati” e nonostante per una corretta valutazione occorrano almeno cinque anni dall’attivazione del servizio, risulta che gli investimenti nella tratta Milano-Roma sono pienamente giustificati. Problematica, invece, la linea Torino-Milano, ma va ricordato che la crisi economica sopraggiunta ha ridotto del 30% il traffico previsto e va considerato, spiegano gli analisti, che tutte le linee di Alta velocità servono a “fare sistema” sulla direttrice principale, appunto la Milano-Roma. Se così stanno le cose – prosegue Bond – appare evidente che un progetto di Alta velocità ferroviaria per il Veneto debba essere considerato una priorità strutturale nazionale. Auspico pertanto che si arrivi quanto prima ad un accordo tra Veneto e Friuli Venezia Giulia sul punto di intersezione tra i tracciati. Problema che va risolto, tra gli altri, entro fine anno pena la perdita del finanziamento europeo. L’asse Milano-Trieste, come dimostrano i fatti, non sarebbe utile solo al Lombardo-Veneto, ma renderebbe più efficaci anche le tratte Torino-Miano e Milano-Roma-Napoli e completerebbe il sistema nazionale di Alta Velocità e Alta Capacità ferroviaria. Allo stesso tempo gli enti locali e le organizzazioni di categoria dovranno superare i localismi perché la ferrovia veloce è utile per collegare i maggiori centri urbani e produttivi d’Italia con l’Europa e con i mercati dei Paesi emergenti dell’Est Europa. Non credo che oggi ci sia ancora qualcuno disposto a pensare che l’Expo 2015 possa diventare un’opportunità sprecata: sarebbe quantomeno penalizzante a quella data continuare a trasportare turisti e merci tra Venezia e Milano solo con i vecchi intercity o con i treni regionali. Una cosa è certa- conclude il capogruppo Pdl in consiglio regionale – non si esce dalla crisi economica senza infrastrutture strategiche”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Tribunale di Belluno respinge il ricorso degli operatori sanitari collocati in ferie forzate perché si erano opposti alla vaccinazione

Con ordinanza n.328 ex art. 669 terdecies CPC del 6 maggio 2021 il Tribunale di Belluno, presidente del Collegio il dottor Umberto Giacomelli, respinge...

Fondo Ambiente Italiano. Gemellaggio tra il Fai Giovani di Belluno e quello di Bolzano per scoprire il rispettivo patrimonio di storia e arte

Non sempre tra Belluno e Bolzano si creano rivalità e competitività: un valido e significativo esempio di collaborazione e dialogo viene dai volontari dei...

Tib Teatro non si è arreso. Investimenti, tenacia e lavoro in tempo di pandemia. E nuovi importanti riconoscimenti

Belluno, 14 maggio 2021 - "Un anno e mezzo di pandemia, teatri chiusi, ferma la tournée dei nostri spettacoli, ferma la stagione Comincio dai...

Quattro eventi a Seravella per la “Rassegna delle rose 2021”. Deola: «Iniziative culturali e valorizzazione del territorio per uscire dalla crisi Covid»

È tutto pronto al Museo etnografico della Provincia per la "Rassegna delle rose 2021". Quattro eventi, fino all'inizio di giugno, che ruoteranno attorno allo...
Share