13.9 C
Belluno
lunedì, Novembre 23, 2020
Home Cronaca/Politica Decreto taglia agevolazioni alle spedizioni dei giornali. Le associazioni attendono con preoccupazione...

Decreto taglia agevolazioni alle spedizioni dei giornali. Le associazioni attendono con preoccupazione la correzione del Governo

Sale la preoccupazione e la protesta nel mondo dell’editoria locale per l’entrata in vigore del decreto del I aprile che ha tagliato le agevolazioni nelle spedizioni postali di periodici e libri. Ieri (lunedì 17) al centro Giovanni 23mo, si è tenuto il convegno promosso dall’associazione Bellunesi nel mondo, dal settimanale l’Amico del popolo e altri giornali dell’emigrazione del Triveneto per fare il punto della situazione. Carlo Arrigoni, direttore dell’Amico del popolo, ha sottolineato come il decreto si traduca in un impoverimento per tutto il tessuto sociale del territorio. Ed ha riportato i dati riferiti in Parlamento dall’onorevole Alberto Giorgetti. Vi sono circa 8mila editori, oltre a 1.400 associazioni no profit religiose e altre 3.400 Onlus laiche (partiti, associazioni) che hanno beneficiato delle tariffe agevolate di spedizione. Nel 2008 sono stati recapitati un milione e 120mila pubblicazioni per le quali lo Stato ha rimborsato 273 milioni di euro alle Poste. Ecco perché il governo ha deciso di dare un taglio netto, provocando aumenti che hanno toccato il 500%. E costringendo quindi le associazioni a dover rinunciare o quantomeno ridurre le spedizioni dei loro notiziari agli iscritti. Un provvedimento che va a toccare anche la libertà di stampa e di opinione e quindi la democrazia. Il governo, peraltro, ha fatto mezzo passo indietro, stanziando 30 milioni per le associazioni no profit, inseriti nel Decreto incentivi al voto oggi pomeriggio (martedì) in Senato. Ma questo rappresenta 1/10 solo del necessario. E anche la trattativa Poste – editori al momento è ferma in attesa di un ulteriore stanziamento del governo, che pare non ci sia. Dal tavolo dei relatori sono intervenuti Vincenzo Barcelloni Corte per l’Abm Associazione emigranti bellunesi, Espedito Pagnussat in rappresentanza di 51 pro loco della Provincia di Belluno e delegato per le oltre 500 pro loco della Regione; e Giorgio Zampieri, in rappresentanza del mondo del volontariato e del Comitato d’intesa.

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina Fashion Weekend 2020: una decima edizione “responsabile” e dal risvolto benefico

Cortina d'Ampezzo, 23 novembre 2020 - Vuole essere un forte segno di fiducia nel futuro e di coraggio, questo Cortina Fashion Weekend 2020. Dal...

Campagna vaccinazione antinfluenzale: vi hanno aderito il 50% dai 60 ai 64 anni

L’Ulss Dolomiti, attraverso il Dipartimento di prevenzione ha completato la vaccinazione dei soggetti tra 60 e 64 anni che hanno aderito all’invito a vaccinarsi...

Report Cisl. Il lavoro femminile e il gap salariale a Belluno e Treviso. Precarie, sottopagate, ma più istruite. Le donne guadagnano 1,50 euro in...

Minore possibilità di trovare lavoro nonostante una maggiore formazione, contratti più precari e con meno ore, buste paga più leggere: per ogni ora lavorata...

Eroina e metadone nell’Agordino. Arrestata una coppia

Nel pomeriggio del 19 novembre gli agenti di polizia dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, unitamente al Reparto prevenzione crimine di Padova, coordinati dal...
Share