13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Prima Pagina In vista del digitale terrestre Gli Antennisti alla prova … tv

In vista del digitale terrestre Gli Antennisti alla prova … tv

La categoria dell’UAPI di Belluno è già pronta per un servizio affidabile e sicuro dopo un percorso formativo. Prossimo l’avvio di un consorzio per l’assistenza e la consulenza agli utenti.

L’era del digitale terrestre si avvicina anche per la provincia di Belluno: è attesa in autunno, tra il 21 ottobre e il 25 novembre e sarà un passaggio epocale per cittadini e tecnici. Con il digitale terrestre cambia, infatti, la tecnica di trasmissione: “i vecchi televisori potranno comunque continuare a funzionare – puntualizza il presidente degli Antennisti dell’UAPI di Belluno. Lino Bogo –  purchè dotati di un “decoder” esterno, acquistabile già da adesso oppure perché già lo incorporano; si renderà, invece, indispensabile la risintonizzazione di tutti i televisori”.“Come tutte le grandi trasformazioni – continua il presidente Bogo – anche questa del digitale terrestre ha insito qualche dubbio, qualche incertezza e in molti utenti qualche diffidenza”. Alla luce dell’esperienza conseguita nelle regioni italiane in cui il passaggio è già avvenuto sono previsti disagi, soprattutto nella fase iniziale, quando la risintonizzazione dei canali dovrà essere effettuata più volte, a distanza anche ravvicinata, con aggravio della situazione in particolare per le persone anziane e per chi ha poca dimestichezza con simili tecnologie.
La categoria degli Antennisti – prosegue il presidente Lino Bogo – da qualche mese è al lavoro per seguire un’adeguata formazione, così da essere preparata agli interventi alla data dello switch off (spegnimento del segnale analogico). La formazione è stata organizzata con importanti  esperti della materia” (il consulente che ha seguito il passaggio dall’analogico al digitale in Trentino, il dott. Giovanni Holzer e il responsabile della Rai per il Veneto, Terenzio Morao). L’attività formativa ha spaziato dalle questioni prettamente economiche e tecniche insite nel nuovo sistema, all’impatto della transizione su editori, commercianti, antennisti e utenti finali e le prerogative e gli svantaggi della nuova tecnologia trasmissiva. I partecipanti al corso hanno ampiamente approfondito la parte tecnica. Non si è trattato di un’azione puramente informativa, ma di un intervento mirato a formare professionisti preparati e specializzati per affrontare la gestione della nuova tecnologia. Il prossimo passo della categoria sarà la costituzione di un consorzio per l’assistenza e la consulenza agli utenti, “nel frattempo un buon gruppo di imprenditori associati – conclude il presidente Lino Bogo – sta assistendo gratuitamente gli utenti bellunesi nella risintonizzazione dei canali di Telebelluno, attualmente in corso, come enunciato negli spot diffusi dall’emittente, anticipando una collaborazione che verrà riproposta in autunno in concomitanza del passaggio al digitale terrestre”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share