13.9 C
Belluno
mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home Cronaca/Politica Italiani popolo dalla memoria corta, servirebbe un santo: il 22 marzo 2005...

Italiani popolo dalla memoria corta, servirebbe un santo: il 22 marzo 2005 Galan firmava l’impegno a riconoscere la specificità della Provincia di Belluno. 5 anni dopo il Pdl continua a raccontare favole

Montanelli non perdeva occasione per fustigare gl’italiani, popolo senza memoria. A ricordarci le promesse svanite nel nulla dei politici oggi è l’ex presidente della Provincia Sergio Reolon, che dice: “Se c’è un santo protettore della memoria, bisognerebbe dedicargli la giornata del 22 marzo! Era proprio il 22 marzo di cinque anni fa, infatti, il giorno in cui veniva firmato a Palazzo Piloni un patto tra la Provincia di Belluno, di cui ero presidente, e l’allora candidato alle elezioni regionali Giancarlo Galan: l’intera comunità bellunese –  Provincia, Enti locali, Camera di Commercio, aziende sanitarie locali, organismi di rappresentanza  delle categorie economiche e sociali, Diocesi – aveva lavorato insieme per arrivare alla richiesta di impegno, da parte dei candidati alle elezioni regionali, per il riconoscimento della autonomia speciale della provincia di Belluno e degli enti locali bellunesi. Questo era il contenuto di quel documento: un accordo, un impegno, una promessa. Giancarlo Galan sottoscriveva, così, nel 2005, un programma forte per la Regione: “La Regione – dice il testo del documento – dovrà riconoscere la specificità della Provincia di Belluno attribuendole forme speciali di autonomia. Esse dovranno tradursi in un principio statutario e in leggi in grado di sviluppare le capacità di autogoverno, anche anticipando con legge ordinaria le previsioni del nuovo statuto”. Sottoscrivendo il documento, Galan, uomo del Pdl, oltre a condividerne i contenuti, si impegnava: “a realizzare, nel primo anno di legislatura, quanto proposto dalla Provincia di Belluno, a nome dell’intera comunità provinciale”. Sono passati cinque anni. Sono passate quelle elezioni, e poi ancora altre. Oggi, alla vigilia di una nuova puntata elettorale, gli uomini del Pdl raccontano ancora la favola di una autonomia possibile, anche se sono sostenitori del leghista Luca Zaia, che di autonomia a Belluno non ne vuole proprio sapere. Forse non basta solo un santo, per il 22 marzo: ce ne vogliono due. Uno per la memoria, uno per la lealtà”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Attivato il Piano Neve. Non si registrano criticità. Atteso per venerdì il peggioramento delle condizioni meteo

Si è riunito stamane, in videoconferenza, il Comitato Operativo Viabilità, con la presenza delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco, della Provincia, del Comune...

Eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri. Trionfa la lista “Facciamo Ordine”. Tre donne le professioniste più votate

La lista “Facciamo Ordine” ha davvero fatto ordine, aggiudicandosi 8 seggi su 9 nel nuovo consiglio dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia...

Programmazione eventi 2021. Comunicazione al Comune di Belluno entro il 21 dicembre per enti e associazioni

Enti e associazioni interessati ad organizzare un evento sul territorio del capoluogo nel corso del 2021 hanno tempo fino alle ore 12.00 di lunedì...

Poste italiane. Conte: “Siete un avamposto delle istituzioni sul territorio”. In provincia di Belluno 230 impiegati e portalettere

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha inviato un messaggio di ringraziamento alle lavoratrici e ai lavoratori di Poste Italiane, per l'impegno profuso durante...
Share