13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Cronaca/Politica Reolon risponde alla Lega sul gruppo Facebook "Belluno non è Padania"

Reolon risponde alla Lega sul gruppo Facebook “Belluno non è Padania”

La Lega Nord, per bocca del suo segretario provinciale senatore Gianvittore Vaccari, ha segnalato e denunciato a Prefettura, Questura e Procura della Repubblica l’attacco razzista da parte del gruppo Facebook fondato e amministrato dall’ex presidente della Provincia Sergio Reolon. Che porta il nome dello slogan scelto dal candidato del Pd alle prossime elezioni regionali: «Belluno non è Padania, è Dolomiti».

Sergio Reolon
Sergio Reolon

All’accusa risponde oggi Sergio Reolon. “Che la Lega mi attacchi non è una novità. Ma che la Lega usi un gruppo che, in pochi giorni, ha raccolto più di 1.400 iscritti, anche dall’estero, oltre ottanta foto, e sta diventando un laboratorio libero, ampio e condiviso sulle Dolomiti, per accusarmi, mi sembra solo un attacco alla cieca: poco rispettoso di tutte le persone che vi fanno parte, e che si riconoscono nelle Dolomiti. “Belluno non è Padania…è Dolomiti” sta crescendo ed è una piattaforma di confronto bella, alta, spontanea. Anima discussioni, invita alla riflessione. Se Gianvittore Vaccari si sente attaccato da una constatazione geografica, sono problemi suoi, non dell’etica: Padania viene da Padus, il nome latino del Po, e indica propriamente i territori della pianura padana, a cui noi non apparteniamo: il nome non l’ho scelto io, ma i leghisti. E non mi risulta che il Po passi per Belluno. Capisco che il diktat della Lega sia quello di non far notare questa differenza: infatti, Luca Zaia ha detto apertamente alla provincia di Belluno che non le concederà l’autonomia.  Però chiedere ai cittadini bellunesi di non accorgersene mi sembra un poco troppo. Forse è che, invece, a forza di essere da anni al governo accanto al Pdl, anche alla Lega sorride l’idea di mettere il bavaglio a tutte le forme di comunicazione non manovrabili. C’è stato un intervento poco rispettoso, ed è stato subito ripreso da altri partecipanti: io stesso lo ho moderato, perché sono convinto che il confronto delle idee può essere anche duro, ma non deve mai scadere nell’insulto. Faccio fatica a pensare che la Lega possa offendersi dopo che, per anni, ha offeso apertamente qualsiasi tipo di minoranza e diversità, da Borghezio in poi. Evidentemente “Belluno non è Padania…è Dolomiti” dà fastidio, perchè è un luogo in cui la gente pensa e dimostra la propria fierezza di vivere qui, in montagna. Non dimentico i commenti sarcastici dell’onorevole Gidoni quando combattevamo per il riconoscimento delle Dolomiti come patrimonio dell’Umanità: forse le Dolomiti sono andate di traverso alla Lega”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Motivi principali per il boom di Bitcoin

Bitcoin ha raggiunto un prezzo storico superiore a $64.000 nel 2021. A livello globale, questa valuta virtuale ha ottenuto una crescente accettazione da parte...

Sagra della zucca. Dal 30 settembre al 2 ottobre a Caorera un weekend di sapori bellunesi

«L’agricoltura bellunese non ha grandi numeri, ma ha grandissimi prodotti di nicchia di elevata qualità. Tra queste, la famosa zucca santa, apprezzatissima in cucina,...

Sabato 1° ottobre a Belluno torna Sport in Piazza

Sabato 1º ottobre torna Sport In Piazza. L’edizione 2022 dell’evento dedicato allo sport e alle società sportive, che vede bambini e ragazzi come protagonisti,...

La Pallavolo Feltre piega l’HL Immobiliare Volley 3-0

HL IMMOBILIARE VOLLEY-CASSA RURALE DOLOMITI FELTRE 0-3 PARZIALI: 26-28, 22-25, 26-28. Davanti a una splendida cornice di pubblico, la HL Immobiliare Volley è costretta a piegarsi...
Share