13.9 C
Belluno
giovedì, Novembre 26, 2020
Home Cronaca/Politica Intesa Galan-Dellai, tra Belluno e Trento stanziati quasi 8 milioni

Intesa Galan-Dellai, tra Belluno e Trento stanziati quasi 8 milioni

Oscar De Bona
Oscar De Bona

Vi ricordate le proteste, i Comuni referendari che volevano passare nelle Regioni a statuto speciale limitrofe, e il continuo pressing di commercianti e albergatori per la concorrenza sleale che dovevano subire dai vicini del Trentino Alto Adige. Bè, pare che la protesta a qualcosa sia servita. E qualche ragione ci sarà pure se la provincia autonoma di Trento vara dei finanziamenti per le aree tra Trento, belluno, Vicenza e Verona. «L’Intesa tra la Regione Veneto e la Provincia autonoma di Trento è una realtà che proprio oggi mostra i suoi frutti. Con l’approvazione del piano operativo per il 2010 da parte del presidente veneto Giancarlo Galan e di quello trentino Lorenzo Dellai, sono stati stanziati quasi 15 milioni per interventi nelle aree tra le province di Trento, Belluno, Vicenza e Verona: Trento-Belluno 7.709.865 euro, Trento-Vicenza 5.694.861 euro, Trento-Verona 1.440.000 euro. E’ questo il coronamento di un intenso e serio lavoro che ha impegnato amministratori locali e tecnici per rendere concreto il piano di cooperazione tra i territori di confine con il Trentino. Di ciò non posso che essere intensamente soddisfatto».  L’assessore Oscar De Bona, nel suo ruolo di incaricato dal presidente veneto a rappresentarlo durante questo delicato iter operativo nell’ambito della Commissione per la gestione dell’Intesa, non è solamente soddisfatto, è anche orgoglioso per l’esito fortemente positivo della seduta odierna della Commissione che si è svolta a Vallarsa (Tn) alla presenza del comitato politico composto dal presidente Galan, dall’assessore De Bona e dal segretario generale Rasi Caldogno per il Veneto  e dal presidente Dellai, dall’assessore Gilmozzi e dal segretario Beltotti per il Trentino, oltre al delegato regionale Anci Veneto Gino Pante.  «Complessivamente – spiega Oscar De Bona – per il 2010 sono stati presentati 30 progetti. Di questi, 23 sono stati ritenuti idonei e quindi ammissibili al finanziamento, e a loro volta ne vengono finanziati 14 di cui 10  riguardano la provincia di Belluno. E’ stato deciso che i rimanenti 9 per i quali non c’è attualmente copertura finanziaria (due sono di Belluno) verranno recuperati con i successivi bandi».  
Oscar De Bona riferisce che sono 7, di cui 4 di Belluno, i progetti non ammessi in quanto privi dei requisiti richiesti per il 2010. L’assessore fa presente che erano stati modificati i criteri originali del bando e inserito l’obbligo di destinare il 70 per cento degli interventi per creare sviluppo economico ed occupazione, attribuendo a questi un maggior punteggio. Queste le 10 iniziative finanziate nella zona a cavallo fra Bellunese e Trentino. Progetto “Borghi aperti” per la valorizzazione turistica e commerciale di Zorzoi (Sovramonte) e Canal San Bovo:  € 1.192.178,77; Progetto “Fedaia” per la valorizzazione turistica e culturale del comprensorio del passo Fedaia tra Rocca Pietore e Canazei: € 1.196.417,52; Revisione generale ventennale della seggiovia quadriposto “Le Bise-Laresei” di Falcade: € 500.000,00; Adeguamento ed ampliamento  del rifugio Sass Bocè tra Livinallongo del Col di Lana e Canazei: € 500.000,00; Realizzazione di un esercizio polifunzionale per l’erogazione di beni e servizi a favore della collettività a Gosaldo: € 194.299,28; Realizzazione di un punto di accoglienza per cicloturisti con vendita e promozione di prodotti tipici, punto di ristoro e informativo nei comuni di Cesiomaggiore e Castello Tesino: € 572.000,00;

Share
- Advertisment -

Popolari

Appropriazione indebita aggravata e continuata. Denunciato dipendente della Mares Ortofrutta di Sedico

I carabinieri di Sedico, a conclusione delle indagini, hanno denunciato in stato di libertà per appropriazione indebita aggravata e continuata uno dei dipendenti dell'esercizio...

Sabato a Belluno riaprono tutti i mercati

Belluno, 25 novembre 2020 - Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, ha firmato oggi l'ordinanza che consentirà nella giornata di sabato la riapertura di...

Impianti sciistici. Carraro (Confindustria Veneto) e Berton (Confindustria Belluno): la salute pubblica non si discute, ma non può esserci concorrenza sleale

«Fin dall'inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato...

Incendio di un’abitazione a Umin. Attivate le misure di sostegno al nucleo familiare. Aperta una sottoscrizione

A seguito dell’incendio che ha gravemente danneggiato nel tardo pomeriggio di martedì 24 novembre un’abitazione situata nella frazione di Umin, l’Amministrazione ha prontamente attivato...
Share