13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 15, 2021
Home Cronaca/Politica Tavola rotonda a Schio sui problemi dell'occupazione e reintegro dei lavoratori in...

Tavola rotonda a Schio sui problemi dell’occupazione e reintegro dei lavoratori in mobilità

Obiettivo: inserimento al lavoro di 280 persone in mobilità, in settori che vanno dalla concia, alla metalmeccanica, all’orafo, distribuiti in 4 province della nostra regione (30 a Belluno, 50 a Treviso, 50 a Verona e 150 a Vicenza). Se ne è parlato stamani a Schio (Vicenza) all’ex Lanificio Conte, recentemente ristrutturato, nell’ambito della tavola rotonda dal titolo “Sostegno all’occupazione: nel Veneto è realtà” che ha presentato nove progetti di riqualificazione e reinserimento occupazionale approvati dalla Regione Veneto, secondo quanto previsto dalla deliberazione regionale n. 2022 del 2008  ed affidati ad ENAC-Ente Nazionale Canossiano e al CFP Madonna del Grappa (associato ENAC). E’ intervenuta l’assessora regionale alle Politiche del Lavoro che ha detto, tra l’altro, “Credo che ci vada riconosciuto il merito, e anche questi progetti avviati lo dimostrano, di aver gestito la crisi economica ed occupazionale senza conflittualità esterne. Fondamentale per questo è stata la coesione sociale e una politica che ha messo sempre al centro la persona, cercando di non lasciare nessuno da solo e di favorire la ricerca di nuovi posti di lavoro”. Secondo l’assessora la collaborazione con cui in Veneto si è agito tra Regione, organizzazioni sindacali, enti locali, mondo della formazione sta facendo scuola a livello nazionale perché significa non subire la crisi ma affrontarla. “Il biennio 2010-2011 sarà dedicato alla formazione e ciò significa interrogarsi sul mondo del lavoro, sulle nuove regole che deve avere l’economia, sull’accompagnamento professionale e sociale che deve sostenere chi è in cerca di occupazione e chi viene reinserito nel mondo del lavoro. Ciò significa dare fiducia alle imprese, agli imprenditori e ai lavoratori, aiutandoli a non cadere nella disperazione”. Per quanto riguarda i 9 progetti presentati, è stato ricordato che Obiettivo Lavoro e CISL Veneto sono presenti in tutti i progetti: questi possono essere intesi come un esempio di integrazione tra diverse realtà per strutturare una rete efficace di servizi per il lavoro, come indicato da Regione Veneto. Sono altresì partner  API Verona, API Vicenza, CGIL e UIL a livello di categoria territoriale nelle diverse province e CNA provinciale di Vicenza. Alla tavola rotonda sono intervenuti anche esponenti del Comune di Schio, dell’ENAC, amministratori della Provincia di Vicenza, della Cisl Veneto e di Obiettivo Lavoro. Comunicato stampa n. 477-2010

Share
- Advertisment -

Popolari

Sistemazione del sentiero sul lago di Santa Croce a Poiatte: la Provincia chiama Veneto Strade per rimuovere una frana

Si stanno concludendo in questi giorni i lavori di rimozione del materiale e messa in sicurezza della frana di Poiatte, che interessa il sentiero...

Per i disservizi Trenitalia non servono inaugurazioni! * di Lucio D’Alberto

In un momento in cui è forte la discussione su quale tracciato dovrà seguire la linea ferroviaria per Cortina, in un momento in cui...

Martina Gris convocata agli Europei di mtb

Stagione ricca di soddisfazioni per la giovanissima Martina Gris, portacolori del Pedale Feltrino settore mountain bike che dopo la vittoria in Veneto Cup a...

Riparte la formazione per operatori/volontari delle associazioni per servizio di trasporto e soccorso sanitario

Con il miglioramento del quadro epidemiologico riparte anche l’importante attività di formazione delle Associazioni che assicurano i soccorsi e i trasporti secondari in convenzione...
Share