13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Lettere Opinioni La lettera: i mendicanti di voti che sorridono dai mega cartelloni stradali...

La lettera: i mendicanti di voti che sorridono dai mega cartelloni stradali

Egregio signor direttore,
ho notato da alcune settimane grandi e piccoli manifesti che anticipano la campagna elettorale per le prossime regionali.  In questi manifesti compaiono personaggi che non ho mai visto e di cui non conosco nulla.  So solo che mi stanno guardando mendicando il Mio voto con un sorriso luminoso. Francamente io non so cosa ci sia da sorridere in questo durissimo periodo che stiamo vivendo, con tanta gente senza lavoro e tanti altri  che lo perderanno tra poco. Per tutti noi che dobbiamo fare grandi sacrifici per arrivare alla fine del mese  non capisco cosa ci sia tanto da sorridere. Comprendo che i partiti si stiano mobilitando per le elezioni, capisco che Zaia e Bortolussi debbano fronteggiarsi, ma non riesco a digerire tutti questi volti sorridenti di gente mai vista prima, dal nome sconosciuto che sta spendendo una valanga di denaro per chiedermi  il voto. Immagino anche che una campagna elettorale costi tanto e non credo che, di questi tempi, si possa scialacquare allegramente il proprio denaro.  Non riesco a comprendere come questa gente così sorridente possa spendere allegramente in pochi giorni per tutti questi tabelloni i soldi che io  neanche mi sono di guadagnare in un anno. E poi quanti come me guardano con angoscia l’aumento delle rette dell’IPAB?  Io non so dove andrò a trovare i soldi della retta di mia madre perché già oggi ho difficoltà a star dietro a tutto: bollette, affitto casa, mensa scolastica per i figli. Per me, c’è poco da ridere, ma molto da riflettere davanti a questo manifesti, davanti a chi intasca mazzette nascoste in pacchetti di sigarette, a chi va a farsi massaggiare di nascosto, a chi organizza o partecipa a festini con quelle che oggi si chiamano escort e che un tempo avevano altri nomi. Come ha detto Lei, signor direttore, c’è una Italia che se la spassa e una politica che francamente stomaca e c’è una Italia che non dorme la notte, non perché impegnata in festini, orge, massaggi, ma semplicemente perché tra il sonno e la veglia c’è sempre e solo l’incubo per il domani. Mi scuso per lo sfogo.
Cordialmente, suo affezionato lettore
Alessandro Rossettini – Vicenza

Signor Rossettini,

non posso che sottoscrivere le Sue osservazioni. Di più. Non mi riesce di vedere al momento in Italia un’opinione pubblica critica capace di radrizzare la rotta. I parlamentari sono sotto il ricatto della legge elettorale “Porcellum” e per conservare la loro poltrona eseguono gli ordini del capo. Abbiamo un’opposizione nulla. E nemmeno dal mondo giovanile vedo grandi idee e ideali.

Roberto De Nart

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share