13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 30, 2023
HomeLavoro, Economia, TurismoCaaf Cgil, Fondo affitti 2008: occhio alla scadenza 6 e 31 marzo...

Caaf Cgil, Fondo affitti 2008: occhio alla scadenza 6 e 31 marzo stabilita dai Comuni

Il Caaf Cgil ha iniziato l’assistenza per la compilazione delle domande di sostegno a chi paga l’affitto, previsto dalla Regione Veneto. L’anno di riferimento è il 2008 essendo la Regione in ritardo nell’emettere i bandi ed avendo in questo modo perso un anno per strada. Il bando d’accesso al Fondo Sostegno Abitazioni in Locazione per l’anno 2008, ha scadenza 6 marzo 2010 salvo la facoltà data ai singoli Comuni di anticiparla. Tale data è stata poi spostata al 31marzo 2010 anche se nel frattempo molti comuni avevavo già emesso il bando segnalando il 6 marzo oppure gli ultimi giorni di febbraio come data ultima.
Possono inoltrare domanda, tramite il CAAF CGIL, tutti i residenti nei comuni del Veneto, a condizione, tra l’altro, che:
risiedano in casa affitto con un contratto di locazione ad uso abitativo registrato;
non superino, nel 2008, un valore ISE fsa di 14.000,00 euro;
non abbiano stipulato contratti di locazione tra parenti;
non occupino unità immobiliari incluse nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9;
Le persone extracomunitarie siano in possesso di Permesso o Carta di Soggiorno validi e siano residenti, nella regione del Veneto da almeno 5 anni oppure da almeno 10 in Italia; quest’ ultima condizione può essere assolta anche dal coniuge convivente.
La superficie netta dell’alloggio non sia superiore ai 95 metri quadrati fino a 3 componenti, più 5 mq per ogni persona oltre i tre;
Le domande, corredate dell’ISEE, vanno presentate tramite il CAAF CGIL entro la scadenza del bando comunale. Le sedi CAAF CGIL di Belluno, Feltre, Pieve di Cadore e Agordo, sono a disposizione per informazioni e compilare la domanda, su appuntamento, richiedendo la lista dei documenti necessari.
Vi sono comune che non emettono il bando affitti collegandosi a quello regionale, in questo caso, qualora ci siano persone in affitto che potrebberero stare dentro i criteri indicati dalla regione, è bene che chiedano al loro comune di emettere il bando; magari non l’hanno mai fatto non avendo ricevuto richieste in tal senso.

- Advertisment -

Popolari