13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 29, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Archivio Fotostorico Feltrino 13mila contatti, 1200 foto caricate nel sito

Archivio Fotostorico Feltrino 13mila contatti, 1200 foto caricate nel sito

Nel suo secondo anno di vita – il servizio è stato istituito dalla Comunità Montana Feltrina in convenzione con il Comune di Pedavena nel febbraio 2008 – l’Archivio Fotostorico Feltrino http://fotostorica.feltrino.bl.it/ ha iniziato a sviluppare tutte le sue potenzialità. Nonostante i numerosi limiti strutturali (ridotti finanziamenti ed un unico coordinatore responsabile), il bilancio delle attività svolte nel 2009 risulta molto positivo. É proseguito innanzitutto il censimento e la riproduzione delle raccolte fotografiche feltrine, implementando la dotazione di 1.890 unità e portandola a 16.525 immagini complessive. Alcune delle nuove raccolte sono di notevole interesse storico-fotografico: tra queste la raccolta “Transumanze” con le foto di Adolfo Malacarne, oggetto di una recente pubblicazione; il Fondo Edmondo Licursi sugli emigranti sovramontini, il Fondo Umberto Gorza sulla partecipazione dei nostri soldati alla Guerra d’Africa; la Raccolta “Colonia Alpina San Marco” che fa luce su una struttura educativa ed assistenziale istituita dal Comune di Venezia di grande rilevanza nel Feltrino; il Fondo Cristina Bellot sulla Società Operaia di Mutuo soccorso di Arsiè. Tutte queste raccolte sono già disponibili sul Sito Internet (fotostorica.feltrino.bl.it). Ed è proprio qui che si registra il risultato più eclatante: le oltre 1.000 immagini inserite, suddivise su 37 raccolte (tuttora in fase di incremento), sono state visionate in un anno da 13.000 persone. Di queste il 40% risiede all’estero, in prevalenza in paesi europei, tradizionale meta di emigrazione, come la Francia, la Svizzera, il Belgio, il Lussemburgo. Numerosi contatti sono stati intrapresi anche dalle Americhe (Argentina e Brasile in testa, seguite dal Canada), consistenti dall’Australia e perfino dalla Cina e dal Giappone. Segno che l’Archivio sta diventando un’importante ponte di collegamento del nostro territorio con i tanti feltrini ancora residenti all’estero, oltre a coinvolgere migliaia di residenti locali appassionati di fotografia e di storia, una fonte di memoria visiva cui attingono assetate più di 50 persone al giorno. Ma, sotto la spinta del suo coordinatore, Francesco Padovani, l’archivio ha sviluppato numerose altre attività: sono state realizzate sette mostre storico-fotografiche. Fra queste, “Schegge di memoria: immagini dal Feltrino”, prodotta dalla Comunità Montana Feltrina, ha già avuto 4 allestimenti, con oltre 4.000 visitatori, ed è tuttora itinerante; la Mostra “Umberto Cappelari” organizzata in collaborazione al Centre de Documentation sur les Migrations Humaines di Dudelange, ha avuto 3 allestimenti. Oltre una cinquantina i contatti registrati nella Biblioteca Civica di Pedavena, sede operativa dell’archivio, da parte di privati e rappresentanti di scuole e pubbliche istituzioni che hanno portato alla collaborazione (con prestito materiali su autorizzazione dei proprietari) nella realizzazione di mostre e pubblicazioni (una tesi di laurea, 5 libri e 2 DVD). Il programma previsionale del 2010 ora prevede la prosecuzione del lavoro di archiviazione digitale per raggiungere la meta agoniata di 20.000 immagini; la realizzazione di un catalogo a stampa di tutte le raccolte in dotazione; l’aggiornamento e integrazione del sito Internet; la realizzazione di un corso d’aggiornamento per insegnanti sull’uso della fotografia storica come strumento didattico; l’allestimento di una grande mostra sull’escursionismo alpino nel Feltrino in collaborazione al CAI-Sezione di Feltre. Restando sempre a disposizione di insegnanti, storici e ricercatori che richiedano supporti documentali per le loro attività. Nell’auspicio di poter contare ancora sulla sensibilità dei possessori delle foto (privati, associazioni ed enti pubblici locali), come è stato finora in modo rilevante, perché continuino a metterle a disposizione dell’Archivio e possano contribuire così, tutti insieme, alla salvaguardia della memoria locale.

Share
- Advertisment -



Popolari

Frederik Backelandt dal Belgio per la rinascita della Sportful Dolomiti Race e delle granfondo

Direttore, giornalista e fotografi della rivista belga "Grinta!" venerdì prossimo 2 ottobre saliranno sui pedali e ripercorreranno tutto il tracciato della Sportful Dolomiti Race...

Una vendemmia dorata per Graziano Merotto, innovatore del prosecco superiore

Graziano Merotto da cinquant'anni si dedica anima e corpo al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore. Un lavoro che è stato premiato quest’anno con un record...

Cammini e percorsi: in Veneto nasce Borgo Stazione nell’ex stazione ferroviaria 

E’ stata inaugurata Borgo Stazione - Bike Inn, una bike-station con ospitalità nata nella ex stazione ferroviaria di Salionze a Valeggio sul Mincio (Verona)...

Anatomia e dinamica di un territorio. Gli studenti di fotografia dell’Istituto Bauer di Milano a San Vito di Cadore impegnati nello studio del territorio 

Anatomia e dinamica di un territorio entra nella seconda settimana. Il progetto, avviato lunedì 21 maggio, è volto alla produzione di uno studio fotografico legato...
Share