13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Festival Ciani: il 3 gennaio concerto all'Hotel Savoia di Cortina d'Ampezzo

Festival Ciani: il 3 gennaio concerto all’Hotel Savoia di Cortina d’Ampezzo

Straordinario appuntamento invernale per il Festival e Accademia Dino Ciani con il concerto che porterà sul palco il direttore artistico della manifestazione, Jeffrey Swann, con la partecipazione di Claudio Martinez Mehner. In programma una sonata di  Mozart e il Grand Duo di Schubert a quattro mani;  a seguire, una serie di valzer e pezzi festosi di Chopin, Brahms, Liszt e Sibelius. Chiusa con successo l’intensa stagione 2009 che ha portato a Cortina artisti del calibro di Grigory Sokolov e Yuri Bashmet con i Solisti di Mosca, il 3 gennaio si apre l’edizione 2010 del Festival e Accademia Dino Ciani, con il concerto che porterà sul palco il Direttore artistico della manifestazione, Jeffrey Swann, con la partecipazione di Claudio Martinez Mehner: insieme suoneranno il Grand Duo di Schubert a quattro mani, e a seguire, una serie di valzer e pezzi festosi di Chopin, Brahms, Liszt e Sibelius.
Una preview invernale, la potremmo definire, della rassegna musicale che ormai da tre anni arricchisce il cartellone estivo di Cortina d’Ampezzo. La IV edizione del Festival e Accademia Dino Ciani, avrà inizio il 24 luglio, con Pietro De Maria, pianista veneziano vincitore del Premio Ciani, che giungerà a Cortina per fermarsi cinque giorni che dedicherà a un ciclo di lezioni destinate ai giovani dell’Accademia. Proprio quest’anno, infatti, è stata inaugurata l’Accademia Dino Ciani, nata per dare ai giovani artisti l’opportunità di sviluppare le proprie abilità, lavorare sui repertori, vivere e respirare in un ambiente musicale condiviso, ed infine, esibirsi dal vivo all’interno del cartellone del Festival. “I giovani, pur apparentemente immersi negli ozi consumistici, riescono a esprimere autentici talenti: è perciò anzitutto ai giovani che va rivolta ogni cura affinché si accostino alla musica, e in particolare a quella cameristica, con rispetto e passione”. È un grande sostenitore dell’Accademia Dino Ciani, Salvatore Accardo, che sarà tra i protagonisti della prossima edizione 2010. Il 31 luglio sarà infatti a Cortina, per partecipare ad un festival, racconta “che ha le potenzialità ambientali e organizzative per iscriversi nel novero delle più importanti manifestazioni del genere (prima fra tutte certamente quella di Salisburgo), per la sua natura così composita che finisce con il creare un intreccio collaborativo tra maestri e allievi, riuscendo a superare gli steccati che ancora sussistono tra musica popolare e musica colta, da solista e da camera, da accademia e d’uso”. La storia del Festival comincia nel 1975 quando molti artisti – tra cui Claudio Abbado e Giorgio Strehler – dopo la tragica scomparsa del giovane pianista Dino Ciani fondano l’omonima Associazione, allo scopo di tenere viva la memoria dello straordinario musicista. Primo progetto, la creazione del prestigioso Concorso Internazionale per Giovani Pianisti Teatro alla Scala a lui intitolato. Per ricordare la completezza di Dino Ciani come artista – le sue competenze andavano ben oltre il repertorio pianistico – nel 2007 è partito il Festival e Accademia Dino Ciani, un progetto che non vuole essere una mera serie di concerti, quanto piuttosto un momento di incontro, di conoscenza e di approfondimento in cui le qualità musicali, culturali e umane delle giovani generazioni possano trovare un segno nel percorso che questo musicista ha tracciato. E lo speciale rapporto con Cortina ha fatto ricadere la scelta della sede della rassegna proprio nella conca ampezzana.
Domenica 3 gennaio – ore 21.00 Grand Hotel Savoia Info: 347/1357028 – organizzazione@festivaldinociani.com

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share