13.9 C
Belluno
giovedì, Marzo 4, 2021
Home Cronaca/Politica Crisi Ideal Standard: Causin convoca la III Commissione regionale lavoro

Crisi Ideal Standard: Causin convoca la III Commissione regionale lavoro

“Già domani chiederò un’audizione alla III Commissione consiliare regionale (Lavoro) di cui faccio parte a cui parteciperanno i lavoratori e i rappresentanti della proprietà e assieme all’europarlamentare Debora Serracchiani stiamo preparando una lettera congiunta da inviare ai vertici dell’azienda per segnalare la gravità della situazione e trovare una soluzione per salvare i posti di lavoro”. Così il consigliere regionale e candidato alla segreteria regionale del Pd per la mozione Franceschini, Andrea Causin, che ieri mattina (venerdì 9) a Trichiana, ha incontrato una delegazione dei lavoratori dell’Ideal Standard. “Io penso che le istituzioni debbano farsi carico di questa situazione con forza e decisione. Ci vuole un patto bipartisan che rilanci una strategia industriale per la provincia di Belluno. Non dimentichiamo che molte aziende locali hanno beneficiato della legge Vajont e proprio per questo l’incidenza del manifatturiero qui è più alta. Società che oggi delocalizzano all’estero. Sono due le aree in cui la Regione dovrebbe investire: il Porto di Marghera e la provincia di Belluno creando le condizioni economiche favorevoli per nuovi insediamenti”.  Il consigliere regionale, nel corso della mattinata, ha visitato il nuovo Polo scolastico di Agordo. Nel pomeriggio, accompagnato dal senatore del Pd Maurizio Fistarol, ha incontrato gli organi di informazione al Centro Giovanni XXIII di Belluno dove ha parlato di green economy come uno dei filoni da seguire per affrontare la recessione. “C’è la percezione che la crisi stia avendo in provincia di Belluno un impatto occupazionale molto più forte che in altre realtà. A questo punto servono delle scelte. Belluno deve guidare la rivoluzione verde anche per le ricadute positive che questo tipo di economia offre in ambito turistico, ambientale e di qualità della vita, per i risvolti occupazionali oltre che di risparmio energetico. I margini di sviluppo sono notevoli e le istituzioni devono farsi carico di promuovere iniziative che vanno in questa direzione. Lo Stato, invece di puntare sulle centrali nucleari, dovrebbe dare degli incentivi alle imprese che investono in questo settore”. Nel pomeriggio, Andrea Causin, ha preso parte alle manifestazioni commemorative per il 46° anniversario della tragedia del Vajont.

Share
- Advertisment -

Popolari

8 marzo, Giornata internazionale della Donna. La Cisl ricorda due grandi donne: Tina Anselmi e Tina Merlin

Venerdì 12 marzo alle 18 va in scena sul sito e sui canali social della Cisl Belluno Treviso lo spettacolo online “Alla radice del...

Premio Giorgio Lago, nuovi talenti del giornalismo 2021

Gli studenti delle ultime classi dei licei del Veneto sono invitati a realizzare un articolo indagando il ruolo della cultura nella società di oggi,...

Sabato il gazebo in Piazza dei Martiri per la legge antifascista “Stazzema”

Sarà presente in Piazza dei Martiri dalle 9.00 alle 13.00 di sabato 6 e di sabato 13 marzo nello spazio tra i due bar...

4500 euro dalle Pro Loco bellunesi all’Ulss Dolomiti

La pandemia da Covid -19 ha costretto nell’anno appena trascorso tutte le Pro loco Bellunesi a modificare, o in diversi casi annullare, gli eventi...
Share