13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Ultimi 30 giorni di proroga per la mobilità all'Ideal Standard di Trichiana

Ultimi 30 giorni di proroga per la mobilità all’Ideal Standard di Trichiana

Scatta oggi, 30 settembre, il conto alla rovescia dei 30 giorni di proroga per l’avvio della procedura di mobilità per i lavoratori della Ceramica Dolomite – Ideal Standard di Trichiana. La proposta accettata dall’azienda e dalle organizzazioni sindacali, è stata formalizzata nella sede del ministero del Lavoro lunedì scorso. «Intanto – fa sapere Oscar De Bona –  in queste prossime due settimane vi saranno incontri incentrati su un’ipotesi di contratto di solidarietà mirato a ridurre grandemente o addirittura azzerare gli esuberi. Si tratta di proposte del sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Salia, illustrate in quell’occasione a Roma all’azienda e alle parti sociali». All’incontro era presente anche la Regione Veneto, la quale segue passo passo questa difficile vicenda che coinvolge centinaia di famiglie che vivono la drammatica situazione.  In modo particolare operano in piena collaborazione Oscar De Bona e i suoi colleghi di giunta  Elena Donazzan e Vendemiano Sartor, rispettivamente assessori alle Politiche attive del lavoro e alla Politica industriale, i quali monitorano con estrema attenzione questa ed altre problematiche occupazionali. A Roma si era parlato in particolare dello stabilimento di Trichiana, per il quale i sindacati avevano chiesto di aumentare la produzione da 2 milioni a 2 milioni e 300 mila  pezzi, ritenendo questa la soglia minima perché la fabbrica possa produrre un utile che ne consenta la sopravvivenza. Questo dopo che gli stessi sindacati avevano rifiutato la proposta dell’azienda che in pratica contemplava solo ammortizzatori sociali, ma pretendendo  chiarimenti sul piano industriale e sulle intenzioni dell’Ideal Standar in Italia. «Dalla relazione che mi è stata consegnata – illustra De Bona –  in quell’incontro al ministero dello Sviluppo economico l’azienda ha dichiarato che riguardo lo stabilimento di Trichiana, in linea di massima, non dovrebbero esserci problemi a discutere il contratto di solidarietà. Tant’è che la stessa azienda, insieme  con le organizzazioni sindacali, ha accolto l’iniziativa del sottosegretario Salia di riunirsi il 13 ottobre prossimo, alle 15, nel medesimo ministero allo scopo di monitorare lo stato della trattativa o addirittura sancire l’eventuale accordo ».

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share