13.9 C
Belluno
lunedì, Novembre 30, 2020
Home Lettere Opinioni Due progetti della Lilt nelle scuole primarie e secondarie

Due progetti della Lilt nelle scuole primarie e secondarie

La promozione della salute tra i giovani è uno degli obiettivi della Lilt, la Lega contro i tumori. Proprio per la sua attività divulgativa è stata nominata “Ente formatore” per il Ministero della Pubblica istruzione ed incaricata di svolgere corsi di formazione e aggiornamento per i docenti sulle metodologie di educazione alla salute. Quest’anno l’associazione punta particolarmente a questo fine e per l’attività di sensibilizzazione ha destinato un terzo del suo bilancio. La Lilt di Belluno, in collaborazione con la Direzione regionale e con il Centro di servizio per il volontariato di Belluno, ha così messo in atto per l’anno scolastico 2009-2010 due progetti dedicati alla scuola primaria e secondaria della provincia di Belluno. Il primo, pensato per la scuola primaria, ha come titolo “C’era una volta… e poi vissero sani e contenti”, è curato da Rossana Canova  ed è diretto ad alunni, famiglie, insegnanti, personale scolastico, presidi e comunità. Lo scopo è prevenire comportamenti e stili di vita a rischio per la salute. Il progetto si sviluppa nei tre anni di scuola, dalla terza alla quinta elementare, mediante questionari, interviste, ricerche, diario, cartoline per coinvolgere i vari attori attraverso incontri, gruppi e laboratori. Lo scopo è fornire messaggi positivi mediante diverse forme grafico-espressive, con al termine un questionario di verifica delle conoscenze sui temi dell’alcol, fumo, salute. Per la scuola secondaria di primo e secondo grado (medie e superiori), il progetto della Litl ha come titolo “I funamboli praticanti”, ed anche in questo caso coinvolge studenti, famiglie e insegnanti. Il metodo è interattivo, mediante il giocodramma e la psicomotricità, con l’obiettivo di sviluppare la teatralità umana per conoscere il mondo reale e cercare di trasformarlo. La Lilt auspica un grande coinvolgimento delle scuole, che avranno l’opportunità di inserire i progetti in modo assolutamente gratuito all’interno delle proprie attività. L’associazione dispone di proprio  personale docente e numerosi volontari in grado di organizzare al meglio gli interventi nei vari istituti scolastici. Per aderire ai progetti è necessario compilare una scheda di adesione, reperibile direttamente nella lettera che la Lilt ha inviato alle varie scuole, oppure nella sede provinciale dell’associazione, in via del Piave 5 a Belluno. Per informazioni si può contattare il numero telefonico 0437 944952.

Share
- Advertisment -

Popolari

Misure anti-Covid, la Provincia vara una “manovra” da 2,5 milioni di euro. 500mila euro a Dolomitibus e 500mila agli impianti di risalita

Belluno, 30 novembre 2020 - È stata approvata questa mattina dal consiglio provinciale la nona variazione al bilancio di previsione, contenente un'importante manovra anti-Covid....

Qualità della vita, Belluno scende al 19mo posto. Padrin: «Viviamo in un territorio magnifico. Ci penalizza solo la dimensione demografica»

«Lavoro, benessere sociale e ambiente confermano il valore del territorio Bellunese. Ancora una volta pesa la demografia, e quest'anno c'è anche il Covid a...

In Crepadona la “Quarta piazza” di Belluno, interamente coperta da una formidabile vetrata

Belluno, 30 novembre 2020 - "Saranno raddoppiati gli spazi a disposizione dei ragazzi per lo studio e la biblioteca grazie al recupero della corte...

Auto investe animale selvatico sul Boscon e viene a sua volta tamponata da altri due veicoli

Belluno, 30 novembre 2020 - Alle ore 05:55  di questa mattina, una Fiat Uno bianca condotta da T.A. 53enne bellunese, in transito da Belluno...
Share