13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 6, 2021
Home Cronaca/Politica Farmacie di confine: sbloccato l'accordo Veneto-Lombardia. Federfarma Veneto: “Si continui così per...

Farmacie di confine: sbloccato l’accordo Veneto-Lombardia. Federfarma Veneto: “Si continui così per agevolare i cittadini”

Per sei comuni ora non esiste più un “confine” farmaceutico. L’intesa appena siglata tra Veneto e Lombardia permetterà ai cittadini di rivolgersi a una farmacia “oltre confine” se risultasse più comodo farlo per motivi di viabilità, lavoro o quant’altro. “Abbiamo siglato un ottimo accordo atteso da un decennio – commenta Annamaria Brusadini, presidente di Federfarma Veneto, l’unione regionale dei titolari di farmacia – speriamo che venga implementato ed anche esteso a altre farmacie che ne avessero diritto e ad altre zone di confine interregionale”. La normativa generale nazionale, infatti, non permette di presentare una ricetta veneta in una farmacia di un’altra regione o viceversa. Per farlo servono accordi locali, come quello in questione che riguarda i comuni veronesi di Mozzecane, Gazzo Veronese e Peschiera del Garda e quelli limitrofi, ma mantovani, di Ponte sul Mincio, Villimpenta e Roverbella. Con la delibera in questione la giunta regionale ha anche disposto di avviare il procedimento per la ricognizione di eventuali ulteriori farmacie aventi diritto ubicate nel territorio di confine del Veneto. Per questo Federfarma Veneto, da anni impegnata per proporre alle Regioni la soluzione del caso veneto-lombardo, porterà all’attenzione degli uffici regionali anche altri casi che potrebbero trovare analogo esito a favore della cittadinanza. Tra gli esempi più significativi ci sono le farmacie al confine con l’Emilia Romagna e quelle bellunesi al confine con Trentino e Alto Adige. “Siamo convinti di migliorare così l’assistenza farmaceutica rivolta ai cittadini residenti in zone di confine interregionale. – ha dichiarato a proposito Sandro Sandri, assessore veneto alla Sanità – Per molti di loro risulta infatti molto spesso più agevole prelevare i medicinali in una farmacia ubicata nella Regione confinante, per motivi di ordine topografico, viabilistico, legati agli spostamenti connessi al lavoro o al raggiungimento delle strutture di erogazione delle prestazioni sanitarie”. Le farmacie inserite in questo accordo Veneto-Lombardia sono le seguenti. Provincia di Verona: Farmacia Giovannini di Mozzecane; Farmacia Sabini di Roncanova di Gazzo Veronese, Farmacia Giubertoni di S. Benedetto di Peschiera del Garda; Provincia di Mantova: Farmacia Cappellari di Ponte sul Mincio, Farmacia Donelli di Villimpenta, Farmacia Brombin di Roverbella.

Share
- Advertisment -

Popolari

Acc. Giorgetti fiducioso sull’erogazione delle banche, cerca un investitore privato. Saviane risponde al sindaco Cesa

Roma, 5 maggio 2021 - Il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, in risposta al Question Time oggi alla Camera, ha riferito di aver...

La Camera di Commercio di Treviso – Belluno al primo posto tra le 14 Camere di grandi dimensioni d’Italia per percentuale di diffusione del...

Pozza: invito le 78.585 imprese che ancora non si servono del cassetto digitale ad utilizzare questa piattaforma. Sono certo che da destinatari della digitalizzazione,...

Incidente sul lavoro a Cortina, uomo cade da una scala

Cortina d'Ampezzo, 5 maggio 2021 - Incidente sul lavorio questa mattina nel cantiere edile della Electra impianti elettrici in località Sompiei nel Comune di...

Unifarco, Comune di Borgo Valbelluna e Gruppo natura Lentiai firmano la convenzione per la tutela dei prati a narciso

Prevista la sistemazione della pozza d’alpeggio situata in Loc. Col d’Artent e un monitoraggio scientifico biennale con rilievi floristici pre e post interventi Belluno, 5...
Share