13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 11, 2021
Home Lettere Opinioni RAGAZZI CHE CHIEDONO SOLDI PER LA STRADA. AI BELLUNESI DICIAMO: FATE ATTENZIONE,...

RAGAZZI CHE CHIEDONO SOLDI PER LA STRADA. AI BELLUNESI DICIAMO: FATE ATTENZIONE, PER CARITA’.

Ci risiamo. Con la bella stagione assistiamo nuovamente alla presenza di ragazzi che, più o meno educatamente, fermano i cittadini per strada o nelle piazze di Belluno e provincia, proponendo oggetti in cambio di un contributo. Si dicono soci o attivisti di qualche associazione con scopi solidaristici e per avvalorare questa tesi mostrano un documento che li autorizza ad operare in questo modo.
Probabilmente l’autorizzazione è vera e la loro attività di vendita in cambio di un contributo può essere a norma di legge. Ma dal Centro di servizio per il volontariato di Belluno e dal Comitato d’Intesa arriva l’avvertimento e un consiglio ai cittadini di prestare molta attenzione quando si incrociano persone che chiedono soldi per strada, soprattutto quando le finalità non sono ben chiare. Il Csv ricorda in proposito la propria campagna “Stai attendo per carità”, prodotta qualche anno fa proprio per sensibilizzare i bellunesi verso queste forme di raccolta di denaro. Una campagna che, tramite manifesti, locandine e uno spot radiofonico, metteva in guardia i cittadini e dava alcuni consigli di comportamento. “Attenzione – recita la campagna, che è possibile rintracciare nel sito csvbelluno.it – quando ti fermano per strada per chiederti soldi, se ti telefonano o bussano alla tua porta, se non conosci l’associazione per la quale operano. Dai fiducia solo  quando conosci chi ti chiede un contributo ti informa sulle proprie attività, rende pubblici i bilanci e documenta quanto realizzato. E ricorda che i veri volontari non chiedono soldi per la strada o porta a porta: coloro che hanno veramente bisogno chiedono dignità, rispetto e partecipazione”.
Quindi, quando ci si trova di fronte a persone, spesso giovani, che per strada chiedono soldi oppure vendono materiale in cambio di un contributo in denaro, dicendo di operare per associazioni non ben identificate, meglio diffidare. E, con cortesia ma con fermezza, rifiutare. Informandosi per bene prima di aprire il portafogli.

Share
- Advertisment -

Popolari

Assunti sei nuovi psicologi, un medico specialista e tre fisioterapisti

Belluno, 10 maggio 2021 - Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti con l’assunzione di diverse figure sanitarie che andranno a potenziare i servizi territoriali e...

Feltre, Collezione Nasci-Franzoia: alla Galleria Rizzarda apertura con il botto

Dopo le oltre 130 persone che hanno potuto visitare la nuova collezione di vetri d’arte veneziani Nasci-Franzoia in concomitanza con la vernice per la...

Via ai lavori sui torrenti Veses e Caorame

Stanziati 250mila euro dalla Regione per i lavori di messa in sicurezza di alcuni tratti del torrente Veses nelle località Altanon e Sartena in...

Promossi tre ufficiali dei carabinieri del comando di Belluno

Tre promozioni al Comando provinciale dei carabinieri di Belluno. Da qualche giorno é stato promosso al grado di capitano Giorgio Bergamo (al centro nella...
Share