13.9 C
Belluno
lunedì, Novembre 30, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Piano casa, soddisfazione del presidente dell'Uapi Tramontin

Piano casa, soddisfazione del presidente dell’Uapi Tramontin

L’edilizia è in crisi: non solo a Belluno e non solo nel Veneto. Negli ultimi dodici mesi, a livello europeo, l’attività del settore è, infatti, calata del 3,1% e per quest’anno le previsioni indicano la possibilità di un ulteriore peggioramento della situazione con perdite del volume di affari che in media potranno aggirarsi intorno al 7,5%, mentre le prime timide previsioni di crescita si ipotizzano solo nel 2011. Dati preoccupanti anche in ragione del fatto che il mercato dell’edilizia produce oltre il 10% del Pil dell’UE, cioè tre volte la quota del settore automobilistico.
“A Belluno – dice Paolo Tramontin, Presidente dei costruttori dell’Unione Artigiani e Piccola Industria – il peso del settore è ancora maggiore e le conseguenze della crisi si stanno dimostrando davvero gravi. Servirebbero misure strutturali, come il finanziamento dei lavori per la riqualificazione energetica degli edifici e un’Iva agevolata generalizzata, ma anche un sostegno alle famiglie nell’acquisto delle abitazioni e minori ostacoli all’accesso al credito per le imprese.”Di queste misure, però, non c’è traccia neppure nell’ultimo decreto anticrisi del governo nazionale. L’unico fatto nuovo è rappresentato dall’approvazione del piano casa da parte del Consiglio Regionale: e il giudizio positivo dell’UAPI è scontato, ma con qualche puntualizzazione. “E’ sicuramente un provvedimento importante – dice Tramontin – perché può generare investimenti interessanti, che molti non stavano facendo proprio in attesa delle decisioni politiche. Nonostante si sia perso del tempo prezioso e il piano casa arrivi al picco della crisi, ora che il quadro legislativo c’è non resta che sperare che i Comuni mettano subito in agenda la questione e che nessuno aspetti la scadenza del 30 ottobre. L’appello che lanciamo è di dare la massima priorità ai deliberati di competenza, anche perché in montagna la stagione finisce presto e non possiamo aspettare la primavera del prossimo anno per vedere i primi effetti del provvedimento.”

Share
- Advertisment -

Popolari

Misure anti-Covid, la Provincia vara una “manovra” da 2,5 milioni di euro. 500mila euro a Dolomitibus e 500mila agli impianti di risalita

Belluno, 30 novembre 2020 - È stata approvata questa mattina dal consiglio provinciale la nona variazione al bilancio di previsione, contenente un'importante manovra anti-Covid....

Qualità della vita, Belluno scende al 19mo posto. Padrin: «Viviamo in un territorio magnifico. Ci penalizza solo la dimensione demografica»

«Lavoro, benessere sociale e ambiente confermano il valore del territorio Bellunese. Ancora una volta pesa la demografia, e quest'anno c'è anche il Covid a...

In Crepadona la “Quarta piazza” di Belluno, interamente coperta da una formidabile vetrata

Belluno, 30 novembre 2020 - "Saranno raddoppiati gli spazi a disposizione dei ragazzi per lo studio e la biblioteca grazie al recupero della corte...

Auto investe animale selvatico sul Boscon e viene a sua volta tamponata da altri due veicoli

Belluno, 30 novembre 2020 - Alle ore 05:55  di questa mattina, una Fiat Uno bianca condotta da T.A. 53enne bellunese, in transito da Belluno...
Share