13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Cronaca/Politica L’Unione europea premia il progetto “LIFE Agemas” del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

L’Unione europea premia il progetto “LIFE Agemas” del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

La premiazione avverrà oggi a Bruxelles, nell’ambito del Green Week. LIFE è lo strumento di sostegno finanziario che l’Unione Europea mette a disposizione degli Stati membri per realizzare progetti di conservazione della natura e dell’ambiente. A partire dal 1992 il programma LIFE  ha cofinanziato 2.750 progetti, erogando contributi per circa 1,35 miliardi di euro. A partire dal 2005 l’Unione Europea ha deciso di premiare i migliori progetti LIFE, ai quali viene assegnato il titolo di “Best LIFE Projects”.
I criteri per individuare i migliori progetti sono stati individuati dagli Stati membri, di comune accordo con la Commissione Europea, e sono stati codificati nel corso di un incontro svoltosi a Malmoe, in Svezia, nell’aprile 2005. I criteri per premiare i progetti valutano: le ricadute positive in termini di miglioramento dell’ambiente e delle condizioni socio-economiche, il grado di innovazione e trasferibilità; l’utilità ai fini del miglioramento delle politiche europee sull’ambiente, il rapporto costi-benefici. L’obiettivo è quello di dare visibilità ai progetti più significativi, in modo da aumentare le loro ricadute positive in tutti i 25 Stati membri.
Per l’edizione 2008-2009 del “Best LIFE Environment Projects” sono stati esaminati  90 progetti, conclusi tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009. I progetti sono relativi a tutti i settori di intervento del programma LIFE Ambiente: la pianificazione territoriale; la gestione dell’acqua, la minimizzazione degli impatti ambientali delle attività economiche, la gestione dei rifiuti, le politiche di produzione integrata. Tra i 90 progetti esaminati solo 22 sono stati ritenuti meritevoli del premio “Best LIFE Environment”; tra questi anche il progetto LIFE Agemas del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Si tratta di un progetto, realizzato dal Parco assieme ai Comuni di Belluno, Feltre, Pedavena, Ponte nelle Alpi e La Valle Agordina (e al quale hanno collaborato anche la Comunità del Parco e la Provincia di Belluno), che ha esteso alcune politiche di gestione ambientale, realizzate all’interno dell’area protetta, alla “macchina amministrativa” dei Comuni. I cinque Comuni coinvolti hanno così ottenuto la registrazione EMAS: un sistema europeo che consente a privati o a pubbliche amministrazioni di rivedere e migliorare la propria organizzazione  interna in modo da gestire in modo ottimale gli aspetti ambientali legati alla propria attività, minimizzando i possibili impatti negativi sulle risorse naturali.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share