13.9 C
Belluno
mercoledì, Marzo 22, 2023
Home Lavoro, Economia, Turismo La Provincia impossibilitata ad accogliere le richieste di alcuni lavoratori a causa...

La Provincia impossibilitata ad accogliere le richieste di alcuni lavoratori a causa di un‘interpretazione giuridica

Il tentativo di conciliazione nella sede della Direzione provinciale del lavoro non ha permesso di raggiungere un accordo tra amministrazione provinciale e i sedici ex dipendenti provinciali (da aprile 2008 passati in carico a Veneto strade) per quanto riguarda le detrazioni relative alla fruizione dei permessi compensativi derivanti dal servizio di reperibilità domenicale, nel periodo tra giugno 2007 e marzo 2008. Al termine delle attente valutazioni dei singoli casi e degli approfondimenti istruttori non è stato possibile da parte dell’Amministrazione provinciale accogliere le richieste degli ex dipendenti. L’interpretazione dell’articolo 23 del contratto nazionale di lavoro del personale del comparto autonomie locali non lascia spazio a dubbi. Il comma 4 del suddetto articolo riporta testualmente come  “La fruizione del riposo compensativo non comporta, comunque, alcuna riduzione dell’orario di lavoro settimanale”. L’interpretazione autentica dell’Aran, l’agenzia per la rappresentanza negoziale nelle pubbliche amministrazioni, effettuata il 21 giugno 2007 indica univocamente come “il lavoratore che abbia prestato servizio di reperibilità di domenica o comunque in giorno di riposo settimanale, secondo il turno assegnato, e che fruisce del riposo compensativo è tenuto, comunque, a rendere completamente l’orario ordinario di lavoro di 36 ore nella settimana in cui gode del riposo”. Le norme giuridiche quindi obbligano l’amministrazione provinciale a detrarre automaticamente le somme erroneamente corrisposte ai dipendenti che dopo l’accordo verbale raggiunto a settembre 2007 tra Provincia e sigle sindacali non hanno garantito le 36 ore di lavoro settimanale previste dal contratto nazionale. Accettare la proposta dei sedici dipendenti che hanno scelto la strada della controversia legale avrebbe inoltre significato contravvenire alle regole di equità che il diritto impone, rispetto ai 40 dipendenti che, in situazione totalmente analoga, non hanno promosso la controversia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ultima assemblea del Consorzio DMO Dolomiti divenuto fondazione

Belluno, 21 marzo 2023 - Questo pomeriggio alle 15.30 si è svolta l’ultima assemblea dei soci della DMO Dolomiti nella forma giuridica di Consorzio...

Ritrovato senza vita il pescatore disperso da ieri sera nel lago artificiale di Senaiga

Lamon, 21 marzo 2023 - E' stato ritrovato, poco prima di mezzogiorno dai sommozzatori dei vigili del fuoco il corpo purtroppo privo di...

Francesca Ferrarese, l’artista che ha illustrato Montagna di voci, la rassegna alla Libreria Tarantola

E' della bellunese Francesca Ferrarese il dipinto riprodotto nella locandina "Montagna di voci", la rassegna culturale in corso in questi giorni alla Libreria Tarantola...

L’occhio di San Mamante. Giovedì sera la presentazione del libro di Micheletto alla cooperativa di Caleipo

Giovedì 23 marzo 2023 alle ore 21 nella Sala Cooperativa di Caleipo (Belluno) per la rassegna Emozione Montagna 2023 della Pro Loco Pieve Castionese,...
Share