13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Valerio Tabacchi (PD) sulle elezioni provinciali: "C'è chi va a parlare con...

Valerio Tabacchi (PD) sulle elezioni provinciali: “C’è chi va a parlare con la gente e chi con i dirigenti di partito”

Valerio Tabacchi, coordinatre provinciale del Pd,  sottolinea le differenze tra i due sfidanti per la Provincia e si schiera per il Sì al referendum:  “Nel primo giorno di campagna elettorale per il ballottaggio Sergio Reolon è andato a incontrare i cittadini al mercato di Agordo, mentre Giampaolo Bottacin è andato a Treviso ad incontrare il segretario della Lega Nord Gobbo. E’ lampante la differenza, Reolon vuol essere Presidente di tutti i bellunesi, Bottacin invece deve adempiere al mandato ricevuto dai suoi capi di partito. Questo è quello che differenzia i due candidati. Se venisse malauguratamente eletto Bottacin rischieremo di avere un Presidente della Provincia che risponde al suo partito o al governo regionale e non ai bellunesi. Rischieremo di farci colonizzare dal resto del Veneto e di diventare la Disneyland di Treviso e Venezia. Rischieremo di non poter opporci a nulla, nemmeno ad un inceneritore che serva a smaltire la spazzatura dell’area metropolitana. Perché rischiare?  Il referendum è invece una scossa che rimetterà in moto il processo riformista”. Tabacchi sul referendum:  “Il Partito Democratico della Provincia di Belluno invita tutti gli elettori e gli iscritti a recarsi alle urne il 21 e 22 giugno e votare sì al referendum per cambiare la “legge-porcata” di Calderoli. Votare Sì ai 3 quesiti proposti significa riaprire un processo riformatore che possa finalmente dare all’Italia una legge elettorale in grado di garantire la governabilità. Se vincono i Sì infatti, scompariranno (quesiti 1 e 2) le coalizioni di partiti e si eviterà che questi si uniscano il giorno delle elezioni e si dividano subito dopo imponendo veti, mediazioni e verifiche continue a maggioranza e governo. Votare sì servirà inoltre a restituire (quesito 3) davvero “lo scettro” ai cittadini in materia di scelta degli eletti in parlamento e costringere il Parlamento a fare le riforme che oggi non vuole fare.

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share