13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 22, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Domani sera a Col Cumano l'ex patriarca latino di Gerusalemme Michel Sabbah

Domani sera a Col Cumano l’ex patriarca latino di Gerusalemme Michel Sabbah

Sarà mons. Michel Sabbah, già patriarca latino di Gerusalemme, il prossimo illustre ospite della rassegna culturale organizzata da Michelangelo De Donà presso il Centro Papa Luciani di Santa Giustina (Belluno). L’incontro, in calendario sabato 6 giugno alle 20.30 a Col Cumano, organizzato assieme a Caritas e Commissione giustizia e pace della Diocesi di Belluno-Feltre, prevede la presentazione del libro di mons. Sabbah “Voce che grida dal deserto” (edizioni Paoline). La manifestazione cade nell’ambito della “Settimana mondiale per la pace in Palestina e Israele” che su iniziativa del Consiglio ecumenico delle Chiese, si celebrerà dal 4 al 10 giugno. Domenica 7 giugno alle 10 mons. Sabbah celebrerà la Santa Messa nella chiesa parrocchiale di Meano che celebra i novant’anni dalla fondazione.
IL LIBRO
Il testo raccoglie riflessioni sulla pace in Terra Santa, che monsignor Sabbah ha espresso in varie occasioni dall’inizio del suo ministero come patriarca di Gerusalemme fino ad oggi. Una rivisitazione ad opera del curatore li inquadra in 10 capitoli che spaziano dall’analisi della situazione politica e sociale in Israele e Palestina, a quella interreligiosa ed ecumenica. Un’attenzione particolare, che permea tutte le pagine del libro, è rivolta alle possibilità di dialogo tra i popoli coinvolti nel conflitto e alle responsabilità che coinvolgono i capi politici così come i capi religiosi, oltre che al ruolo fondamentale delle azioni nonviolente che la società civile di entrambi i popoli può e deve attuare per giungere a una pace giusta per tutti. Ogni capitolo è concepito come un appello accorato che il patriarca – con la stessa forza di Giovanni Battista (a cui fa riferimento il titolo) – rivolge al mondo, da quel deserto senza speranza che sembra essere la sua, la nostra Terra santa. Di volta in volta risponderà al suo grido, con un breve intervento personale, una voce competente, un testimone particolarmente immerso nella stessa realtà in cui si trova il patriarca, o semplicemente coinvolto nell’argomento. Si tratta di 10 personalità diverse per origine e formazione, tra cui: gli italiani Tonio Dell’Olio (di Pax Christi) e Luisa Morgantini (vicepresidente del Parlamento europeo); palestinesi cristiani (Rafiq Khoury) e palestinesi musulmani (Mousa Darwish); l’attivista israeliana per i diritti umani Neta Golan.
BIOGRAFIA DI MONS. MICHEL SABBAH
Il primo palestinese a essere nominato, nel 1987, patriarca latino di Gerusalemme, ministero che ricopre fino al 2008. Nato a Nazaret nel 1933, viene ordinato sacerdote nel 1955. Presidente della Conferenza episcopale dei vescovi latini della regione araba, nonché dell’Assemblea degli ordinari cattolici della Terra santa, dal 1999 al 2007 è stato anche presidente di Pax Christi International. È un deciso fautore del dialogo interreligioso con gli ebrei e i musulmani nella Terra santa.

Share
- Advertisment -



Popolari

Verona, elezioni suppletive al Senato. Trionfo di De Carlo che ricorda Bertacco: “Il centrodestra unito è inarrestabile; questo esecutivo non risponde più alla nazione”

Luca De Carlo è stato eletto senatore. E' il primo nella storia a ricoprire il ruolo di deputato e senatore nel corso della stessa...

Accesso ai servizi Inps. Collaborazione con la Provincia, Comuni e Unioni montane

E' stata presentata questa mattina a Palazzo Piloni, sede della Provincia, l'accordo di collaborazione tra Inps, Amministrazioni comunali locali del territorio e Unioni montane....

Vince il sì, vince il popolo sovrano. Il futuro Parlamento avrà 600 membri, 345 in meno dell’attuale

I dati non sono ancora noti, ma le proiezioni non lasciano dubbi. Davvero qualcuno poteva credere che il popolo sovrano si precipitasse in massa...

Regionali Veneto 2020: di quanto Zaia supererà se stesso?

Questa sera, lunedì 21 settembre, sapremo di quanto Zaia ha superato sé stesso accingendosi per la terza volta a fare il presidente di Regione....
Share