13.9 C
Belluno
mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home Società, Associazioni, Istituzioni Il gruppo folkloristico I Légar” in Lussemburgo con i Bellunesi nel mondo

Il gruppo folkloristico I Légar” in Lussemburgo con i Bellunesi nel mondo

 I Légar, gruppo folkloristico di Casamazzagno di Comelico, è reduce di una trasferta in Lussemburgo su invito dell’associazione Bellunesi nel mondo avvenuta dal primo al quattro maggio. L’occasione è stata il quarantesimo anniversario delle Famiglie di Lussemburgo e dell’’Est Francia. Assieme al coro femminile di Codissago, il gruppo ha percorso chilometri di strada per portare allegria e le proprie antiche tradizioni presso gli oriundi bellunesi stabilitisi ora in questa terra. La prima giornata di permanenza è stata dedicata alla visita della città di Lussemburgo, città molto interessante, soprattutto dal punto di vista storico ed architettonico. Nella serata vi è stata l’’esibizione dei due gruppi per la Famiglia dei bellunesi  di Lussemburgo presso il Centro Culturale Regionale di Dudelange. L’accoglienza delle varie famiglie di oriundi bellunesi è sempre molto calorosa e famigliare, ed il gruppo de I Légar l’ha già potuto constatare in molte altre trasferte, l’’ultima delle quali è stata nell’ottobre del 2007 in Belgio.Il rapporto di famigliarità e allegria che si instaura è sempre molto forte e gradevole e le esibizioni riscuotono sempre grande successo. Così è stato anche presso la famiglia lussemburghese dove il coro femminile di Codissago ha ravvivato i ricordi con le canzoni popolari, ha trasmesso emozioni e sentimenti, il gruppo de I Légar invece ha proposto i balli tradizionali del Comelico, la vécia, il pàris ed il valzer, portando allegria e gioia con le proprie coreografie, i propri costumi e con le musiche, tradizioni antiche saggiamente conservate da molte generazioni.
La giornata della domenica è trascorsa dai due gruppi presso la Famiglia dell’’Est Francia, nel paese di Aumetz. L’organizzazione della festa e l’accoglienza sono state ottime e subito si è instaurato un bel rapporto d’amicizia con gli emigranti bellunesi che hanno alle spalle ognuno una propria storia, interessante e ricca di curiosità ed avvenimenti, belli e tristi, che sicuramente può raccontare solo chi ha intrapreso la strada dell’emigrazione. Al termine delle esibizioni dei due gruppi è stato proposto di ballare il tradizionale ed antico Pàris, il ballo che ha dato origine al Gruppo de I Légar. Si è creato così un grande cerchio dove i ballerini e gli emigranti bellunesi si sono uniti per danzare, ridere e terminare la festa con gioia. Una bella e allegra trasferta quindi, ed il Gruppo I Légar è grato alla Famiglia dei Bellunesi nel Mondo ed in particolare al suo direttore Patrizio De Martin, Comeliano come noi,  per concedere l’opportunità di portare le proprie tradizioni e i propri usi all’estero, presso i compaesani trasferitisi lontano dalla propria terra. Un grazie perché queste sono occasioni preziose per visitare posti nuovi e soprattutto per vivere bellissimi momenti compagnia di persone fantastiche.

Share
- Advertisment -

Popolari

Fondo Comuni Confinanti. De Menech: «Anticipati ai comuni 16,5 milioni di cui oltre 8 milioni e mezzo per Belluno»

Belluno, 2 dicembre 2020  -  Interventi per il potenziamento della didattica a distanza, della telemedicina e il rafforzamento del trasporto pubblico locale. Si muove...

Contributi per studiare all’estero dall’Inps. Fino a 15mila € per i figli di dipendenti e pensionati pubblici che vogliono frequentare una scuola superiore in...

Dal 10 dicembre 2020 all'11 gennaio 2021 sarà possibile partecipare al "Programma Itaca", bando – erogato dall'INPS – che assegna una borsa di studio a figli di...

Canè, Triches, Baorche. Avviati a Limana i lavori post-Vaia

Limana, 01 dicembre 2020  -  Non si fermano a Limana i lavori per ridurre il rischio idrogeologico ed idraulico in diverse località del Comune. Dopo...

Via libera all’assestamento di bilancio: il Comune di Ponte nelle Alpi investe nelle opere pubbliche

Semaforo verde alle variazioni al bilancio, dopo l'ultima seduta del consiglio comunale di Ponte nelle Alpi. Nella prima variazione, un occhio di riguardo è stato...
Share