13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 6, 2021
Home Cronaca/Politica La protesta dei cittadini per i canoni dell'Anas

La protesta dei cittadini per i canoni dell’Anas

Mercoledì sera presso il Municipio di Ponte nelle Alpi a Cadola si è svolto un incontro sull’annoso problema dei canoni Anas promosso dal Sindaco Fulvio De Pasqual e da Walter Azzalini, responsabile provinciale del neonato comitato “Vittime Anas”. Dal 2001 i cittadini di Ponte nelle Alpi che hanno il loro accesso dalle strade Anas hanno visto un assurdo ed iniquo aumento dei canoni. Una e vera e propria gabella che interessa singoli cittadini ed aziende che, in particolare momento di difficoltà, dovrebbero pagare migliaia di euro semplicemente per poter accedere alle loro abitazioni. Queste considerazioni sono state fatte proprie dai rappresentanti delle istituzioni oltre che comunali, anche dall’Assessore Provinciale Quinto Piol, dal Consigliere Regionale Gianpaolo Bottacin e dal Sen. Maurizio Fistarol. Tutti hanno garantito il proprio impegno personale  e  politico affinché le loro rappresentanze in Parlamento modifichino la legge 449/97. La modifica della legge statale è l’unico percorso che permette la soluzione del problema. In questi anni le amministrazioni comunali che si sono succedute a Ponte nelle Alpi non sono riuscite a risolvere il problema ( a parte per la frazione di Cadola, che è stata definita  centro abitato dal 1° gennaio 2009) perchè la materia è di competenza legislativa e quindi non risolvibile con atti amministrativi. Un consenso unanime ha ottenuto la proposta del Responsabile Regionale del “Comitato Vittime Anas” Luciano Soffiato presente all’incontro, del ricorso alla Corte Europea per violazione delle norme sulla concorrenza. Per risolvere il problema è stata da tutti sottolineata la necessità di una forte mobilitazione dei diversi livelli istituzionali (il Consiglio Comunale di Ponte nelle Alpi approverà un apposito Ordine del giorno nelle seduta di mercoledì 22) e dei cittadini. Per questo è stata indetta dal coordinatore provinciale Walter Azzalini un’incontro presso l’Albergo Dante il giorno 22 aprile 2009 alle ore 20,00 nel quale sarà possibile aderire al COMITATO VITTIME ANAS . L’invito è quindi ad una forte mobilitazione sia dei singoli cittadini e rappresentanti della attività produttive di tutta la provincia di Belluno ad essere presenti e preparare una forte iniziativa pubblica con una manifestazione regionale che il responsabile Soffiato ha annunciato essere in fase di organizzazione. Dobbiamo porre fine a questa impropria tassa che penalizza i cittadini veneti e in particolare i bellunesi in maniera esosa e, soprattutto, ingiusta.

Share
- Advertisment -

Popolari

Treno delle Dolomiti. Scopel: «Attendiamo gli elaborati dalla Regione Veneto»

«Prendiamo atto della scelta del tracciato del Treno delle Dolomiti operata dalla Regione Veneto. Se è vero, come leggiamo dalla stampa, che gli studi...

Il sole illumina la prima tappa della WinteRace 2021

Cortina d’Ampezzo, 5 marzo 2021 - Al via questa mattina alle ore 9.00 da Corso Italia l’ottava edizione della WinteRace. Sotto un cielo terso, le...

Da lunedì il Veneto torna arancione. Ecco le regole

"Il Veneto in zona arancione da lunedì 8 marzo. Ma le scuole non chiuderanno". Lo ha anticipato nella conferenza stampa in diretta su Facebook...

Acc, Ex-Embraco. Nobis (Fim-Cisl): concretizzare subito progetto Italcomp, a rischio 750 famiglie

Questa mattina i lavoratori della ACC di Mel (Belluno) sono in presidio davanti ai cancelli dell'azienda, una prima azione di mobilitazione – dice il segretario...
Share