13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Macabra protesta degli allevatori dell'Alpago

Macabra protesta degli allevatori dell’Alpago

I resti di un asino aggredito da lupi in mezzo alla rotatoria di Farra d’Alpago e un cartello. Con questa macabra esibizione gli allevatori dell’Alpago hanno dato il buongiorno questa mattina a chi si fosse trovato a passare sulla strada che serve il Lago di Santa Croce.

“Benvenuti in Alpago – recita il cartello a caratteri rosso sangue – dove la montagna muore soffocata dal lupo e dalle sciocche leggi che lo proteggono”. Tutte le colpe, insomma, secondo gli autori anonimi dell’estemporanea rappresentazione, sono del lupo e delle leggi.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Crac banche venete. Trasparenza della Regione: pubblicati nel Bollettino regionale gli atti esecutivi con le pagine bianche. I truffati impossibilitati a scegliere il loro...

La Regione del Veneto, sovente, è indicata dai reggenti pro-tempore come esempio di buona amministrazione, i media - specie quelli regionali - raccolgono il...

Fondo Comuni confinanti: presentata ai sindaci la nuova intesa

Il Comitato paritetico per la gestione dell'Intesa sui fondi di confine ha incontrato ieri a Belluno una trentina di sindaci dei Comuni di prima...

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...
Share