13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Prima Pagina Giovedì in piazza. Il presidio di Fratelli d'Italia si sposta in via...

Giovedì in piazza. Il presidio di Fratelli d’Italia si sposta in via Mezzaterra

Belluno, giovedì in piazza. Via Mezzaterra

“Per dare continuità a quanto fatto la scorsa settimana e su esplicita richiesta di alcuni cittadini residenti nella zona, anche questo giovedì (16 luglio) Fratelli d’Italia – Belluno Dolomiti sarà presente al “Giovedì in Piazza”. Saremo in Piazza delle Erbe e lungo via Mezzaterra – anticipa Monica Mazzoccoli, responsabile cittadina del partito di Giorgia Meloni – cercando di svolgere un servizio di sensibilizzazione rivolto sia ai ragazzi che, anche lungo questa strada ed in quelle limitrofe, tengono comportamenti incivili e, tal volta, in violazione delle norme di Legge, sia e sopratutto all’amministrazione bellunese, che sta da troppo tempo chiudendo gli occhi, lasciando nel degrado il centro della nostra Città, giustificando atti che giustificazione non hanno. Avremo un banchetto, in Piazza delle Erbe, presso il quale raccoglieremo le doglianze dei cittadini e le loro eventuali segnalazioni.”.

Lo scorso giovedì, come noto a molti, Fratelli d’Italia – Belluno Dolomiti ha svolto un presidio lungo la via Sottocastello, con l’intento di sollecitare maggiore attenzione dell’amministrazione cittadina verso i problemi di vandalismo, schiamazzi ed uso di sostanze alcooliche e stupefacenti da parte di giovani, spesso minorenni.
“Quanto accaduto giovedì scorso ha prodotto, come facile immaginare, 2 diverse reazioni da parte dei cittadini: la gran parte di essi, sopratutto i residenti della via interessata, hanno apprezzato la presenza dei militanti di FdI e di Gioventù Nazionale, hanno espresso la loro gratitudine per aver cercato di sensibilizzare la giunta comunale ad un problema che, sino ad oggi, è stato trattato con superficialità e tolleranza, senza la minima considerazione per chi da esso riceve danni economici e vede turbata la propria tranquillità. Vi è stato, invece, qualcuno, pochi invero, che ha interpretato la nostra azione come una sorta di “ronda” anticriminalità:
queste persone, evidentemente, non hanno capito lo spirito dell’iniziativa, che non ha
assolutamente questa finalità: non siamo e non ci sentiamo “sceriffi”, ma sentiamo il dovere di dare un contributo fattivo al cambiamento che molti, in città, si augurano.”, dichiara Filippo Osnato, portavoce provinciale di Fratelli d’Italia.

Infine, Raffaele Addamiano, Consigliere Comunale di Obiettivo Belluno – Fratelli d’Italia,
sottolinea: “Alle azioni sul territorio, che rappresentano il rapporto stretto che il nostro partito vuole avere con la cittadinanza, mettendo la nostra faccia di fianco alle nostre idee, si accompagneranno anche attività nelle sedi Istituzionali. Non lascerò nulla di intentato, affinché questa giunta, che sui temi del decoro cittadino – come su molti altri – mostra da anni, quotidianamente, passività ed ignavia, sia costretta ad affrontare le sue responsabilità. Le poche e blande risposte, mostratesi del tutto inefficaci, rivelano il reale interesse del Sindaco per i problemi che i cittadini segnalano. E riversare su altri – Forze dell’Ordine, Prefetto, Questore – dette responsabilità, dimenticando che il Sindaco ha la facoltà di richiedere l’intervento dei predetti soggetti, come ha il diretto controllo della Polizia Municipale, che pure la sera non si vede nelle aree sensibili, di certo non gli fa onore.”.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Fondo Comuni confinanti: presentata ai sindaci la nuova intesa

Il Comitato paritetico per la gestione dell'Intesa sui fondi di confine ha incontrato ieri a Belluno una trentina di sindaci dei Comuni di prima...

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...
Share