13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Presentato in Provincia il calendario venatorio 2020. Saranno uccise femmine e piccoli...

Presentato in Provincia il calendario venatorio 2020. Saranno uccise femmine e piccoli di cervo

Palazzo Piloni, sede dell’amministrazione provinciale

È stato presentato questa mattina, a Palazzo Piloni, il nuovo calendario venatorio, approvato dall’amministrazione provinciale. Si tratta del principale strumento della gestione autonoma della funzione di caccia e pesca assicurata alla Provincia di Belluno in accordo con la Regione Veneto.

Il calendario è stato stilato di concerto con i portatori di interesse, a seguito di incontri con cacciatori, agricoltori e ambientalisti. Come già avvenuto lo scorso anno, viene avviato il prelievo del cervo in pre-apertura.

«Sono confermati i piani approvati negli anni scorsi – ha spiegato il consigliere provinciale delegato, Franco De Bon -. Questo è il secondo anno di sperimentazione per l’abbattimento di femmine e piccoli di cervo, cominciando subito dopo Ferragosto per andare incontro a quella che sta diventando una vera e propria emergenza per l’agricoltura e non solo: la densità eccessivamente elevata di ungulati costituisce un forte danno per le colture e anche per l’intero ecosistema. Quest’anno, con il parere favorevole di Ispra che rappresenta l’ente di riferimento per la gestione faunistica, abbiamo aumentato del 20% il piano di abbattimento».

Nel 2019 sono stati uccisi 2.673 cervi, parimenti divisi tra maschi, femmine e piccoli. Un numero che sfiora il 91% dei capi consentiti dal piano di abbattimento. Per il 2020, con il nuovo incremento autorizzato da Ispra, il totale autorizzato arriva a 3.234 capi.

«Un numero funzionale a una gestione scientificamente corretta della popolazione di ungulati, in costante crescita – ha sottolineato il consigliere De Bon -. Le stime dello scorso anno ci dicono che avevamo all’incirca 40mila capi in provincia, escluso il territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: 10.400 cervi, 13.600 caprioli, 2.400 mufloni, 7.250 camosci, a cui dobbiamo aggiungere un numero imprecisato di cinghiali, in fortissima crescita. Proprio il cinghiale costituisce un problema per i danni che produce alle attività agricole e assieme al tavolo verde è stata disposta l’eradicazione. Il prelievo anche in questo caso è in crescita: 400 capi abbattuti nel 2018, 705 nel 2019».

Alla presentazione del calendario venatorio hanno preso parte anche due anime del tavolo verde, agricoltori e mondo venatorio. Da parte degli agricoltori si è sollevato il grido d’allarme per le difficoltà legate agli ingenti danni provocati da cervi e cinghiali. «Ringraziamo la Provincia per il continuo ascolto delle problematiche relative alla fauna selvatica – ha detto Michele Nenz (Coldiretti Belluno) -. Per gli agricoltori questo è un momento difficile: nella parte alta della provincia i maggiori danni derivano dal cervo; nella parte bassa invece abbiamo contemporaneamente cervi e cinghiali. La presenza del lupo ha sicuramente colpito la fauna selvatica, ma ne ha anche cambiato i comportamenti facendola arrivare anche d’estate fino a fondovalle».

«Il futuro della caccia è quello di andare sempre più verso una gestione sostenibile dell’ambiente e della fauna – ha aggiunto Alberto Colleselli, rappresentante del mondo venatorio -. Il cacciatore deve essere colui che aiuta a riequilibrare la demografia della fauna selvatica, anche controllando alcune specie che stanno aumentando in modo problematico e tutelando quelle specie che proprio per la crescita delle altre potrebbero entrare in difficoltà di sopravvivenza».

Soddisfatto per il nuovo calendario venatorio anche il presidente della Provincia, Roberto Padrin: «Questo è il frutto di un lavoro concertato con tutte le parti coinvolte, che ha portato a un’ottimo risultato. Ringraziamo la Regione Veneto per la disponibilità che ci ha dato di gestire in forma autonoma la funzione di caccia e pesca. È un atto richiesto sin da subito nel percorso della nostra autonomia. Grazie alla struttura provinciale e a Franco De Bon per l’impegno profuso. Quando il nostro territorio collabora, riusciamo sempre a ottenere grandi risultati. Lo stiamo vedendo anche nel tavolo verde, a beneficio non solo delle attività agricole, ma di tutto l’ambiente bellunese».

MUFLONE – PROVINCIA BELLUNO
anno stima popolazione piano abbattimento abbattimenti % realiz. piano
1990 342 86 40 47%
1991 355 88 44 50%
1992 424 104 53 51%
1993 540 133 71 53%
1994 609 204 87 43%
1995 583 178 94 53%
1996 621 193 125 65%
1997 568 169 99 59%
1998 620 184 116 63%
1999 628 191 155 81%
2000 779 215 150 70%
2001 806 221 152 69%
2002 821 228 149 65%
2003 824 222 147 66%
2004 916 247 138 56%
2005 921 249 134 54%
2006 944 260 144 55%
2007 986 272 159 58%
2008 1.274 329 199 60%
2009 1.361 354 237 67%
2010 1.396 365 223 61%
2011 1.256 375 230 61%
2012 1.386 392 266 68%
2013 1.625 479 320 67%
2014 1.720 505 277 55%
2015 1.712 598 335 56%
2016 1.826 427 346 81%
2017 2.050 461 370 80%
2018 2.257 480 301 63%
2019 2.428 480 350 73%
Share
- Advertisment -



Popolari

Fondo Comuni confinanti: presentata ai sindaci la nuova intesa

Il Comitato paritetico per la gestione dell'Intesa sui fondi di confine ha incontrato ieri a Belluno una trentina di sindaci dei Comuni di prima...

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...
Share