13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Cronaca/Politica Incidente mortale a Cibiana di Cadore. Altri interventi del Soccorso alpino

Incidente mortale a Cibiana di Cadore. Altri interventi del Soccorso alpino

Cibiana di Cadore (BL), 10 – 07 – 20   Attorno alle 21 la Centrale del 118 è stata allertata da un passante che, imbattutosi nel guardrail sfondato all’altezza del ponte di Cibiana, si è affacciato e ha visto un’auto rovesciata nel greto del Boite, 35 metri più in basso.
Sul posto l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, con un verricello di 60 metri, ha sbarcato medico e tecnico di elisoccorso, che hanno solamente potuto constatare il decesso dell’uomo, un 29enne del luogo che era alla guida. Di concerto con i Vigili del fuoco, il Soccorso alpino di Pieve di Cadore sta provvedendo al recupero della salma. Sul posto anche i carabinieri di Pieve di Cadore.
Altri interventi in montagna
Belluno, 10 – 07 – 20 Attorno alle 14 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato a Canale d’Agordo, dove, lungo il sentiero numero 754 verso Pian di Costa, una donna, che si trovava con altre persone, aveva accusato un malore in località Pausa del Meo. Dopo aver geolocalizzato il gruppo, sentito anche il Soccorso alpino della Val Biois pronto a intervenire, l’eliambulanza ha sbarcato equipe medica e tecnico di elisoccorso con un verricello di 40 metri. Prestate le prime cure, G.P., 74 anni, di Spinea (VE), è stata imbarellata e issata a bordo per essere trasportata all’ospedale di Belluno per le verifiche del caso.
Alle 14.30 circa, un escursionista che stava percorrendo la ferrata del Marmol sulla Schiara ha contattato il 118 dopo aver sentito nelle vicinanze il rumore di una scarica di sassi e delle urla. Sul posto è stato inviato l’elicottero di Treviso emergenza. L’equipaggio ha così verificato che le grida provenivano da persone sfiorate dai sassi, ma che fortunatamente stavano bene. L’allarme è quindi rientrato. Allertato anche il Soccorso alpino di Belluno.
Attorno alla stessa ora si è mossa una squadra del Sagf di Cortina in aiuto di una donna bloccata da una crisi di panico nelle Gallerie del Lagazuoi. Raggiunta dai soccorritori K.M., 29 anni, di Campo Tures (BZ), è stata tranquillizzata e accompagnata lungo il percorso. Alle 14.45 è scattato l’allarme per una turista veneziana, C.P., 52 anni, di Ceggia, che scendendo dal Rifugio Fonda Savio sul sentiero numero 115 si era procurata la sospetta distorsione di un ginocchio. La donna è stata presa in carico dall’eliambulanza dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano e portata all’ospedale di Belluno. Pronto per eventuale collaborazione anche personale del Sagf.
Prima delle 15 una diciannovenne di Ravenna si è sentita poco bene nei pressi del Rifugio Vandelli. Imbarcata dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è stata accompagnata al pronto soccorso di Pieve.
Share
- Advertisment -



Popolari

Fondo Comuni confinanti: presentata ai sindaci la nuova intesa

Il Comitato paritetico per la gestione dell'Intesa sui fondi di confine ha incontrato ieri a Belluno una trentina di sindaci dei Comuni di prima...

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...
Share