13.9 C
Belluno
sabato, Agosto 8, 2020
Home Cronaca/Politica Interventi in montagna. In Nevegal muore 77enne sul sentiero

Interventi in montagna. In Nevegal muore 77enne sul sentiero

Belluno, 07 – 07 – 20   Attorno alle 14.30 la Centrale del 118 è stata allertata da una persona imbattutasi in un uomo a terra esanime, lungo il sentiero sotto la pista che dal Ristoro La Grava porta sul piazzale del Nevegal. Purtroppo il personale medico e il tecnico di elisoccorso sbarcati nelle vicinanze, raggiunto G.M., 77 anni, di Belluno, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso probabilmente dovuto a malore. La salma è stata ricomposta e imbarellata e, una volta ottenuto il nulla osta dalla magistratura per la rimozione, è stata trasportata dal Soccorso alpino di Belluno e dai Vigili del fuoco fino alla strada per essere affidata al carro funebre.

Verso le 15 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in prossimità del Lago di Cavia a Falcade, dove un’escursionista di 50 anni, M.C., di Ravenna, che era assieme al marito, si era fatta male a un braccio. Equipe medica e tecnico di elisoccorso sbarcati in hovering hanno prestato assistenza all’infortunata e la hanno imbarcata con un verricello di 5 metri per poi portarla all’ospedale di Agordo. Sul posto anche il Soccorso alpino della Val Biois.

I soccorritori di Livinallongo sono invece intervenuti a Porta Vescovo, per una escursionista che aveva riportato un probabile trauma alla caviglia dopo essere scivolata sul sentiero. I soccorritori hanno accompagnato a valle L.B., 71 anni, di Vicenza, che poi si è allontanata autonomamente.

Alle 16.50 una squadra del Sagf di Auronzo si è portata a Forcella Lavaredo, sulle Tre Cime, dove una turista tedesca di 52 anni si era procurata un sospetto trauma alla spalla. La donna è stata poi imbarcata dell’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano per essere trasportata all’ospedale di Brunico.

Due le emergenze rientrate. Una ad Auronzo di Cadore, dove un passante si era imbattuto in un escursionista svenuto che, dopo essersi ripreso, ha rifiutato l’assistenza sanitaria. La seconda a Santo Stefano di Cadore per un cercatore di funghi in ritardo, poi tornato alla macchina quando le squadre del Soccorso alpino della Val Comelico stavano per avviare la ricerca.

Share
- Advertisment -



Popolari

Fondo Comuni confinanti: presentata ai sindaci la nuova intesa

Il Comitato paritetico per la gestione dell'Intesa sui fondi di confine ha incontrato ieri a Belluno una trentina di sindaci dei Comuni di prima...

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...
Share