13.9 C
Belluno
venerdì, Luglio 10, 2020
Home Cronaca/Politica Vertice sul tpl con Province e Regione. Padrin: «Le difficoltà bellunesi sono...

Vertice sul tpl con Province e Regione. Padrin: «Le difficoltà bellunesi sono le stesse degli altri territori. È interesse di tutti far ripartire il trasporto pubblico»

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

Il sistema di trasporto pubblico locale aspetta la scuola: sarà quello il punto di snodo fondamentale per la ripartenza del servizio, non solo in provincia di Belluno, ma in tutto il Veneto. È quanto emerso dalla riunione di oggi tra i presidenti di Provincia e l’assessore regionale alla viabilità e ai trasporti Elisa De Berti. Un incontro che è servito per fare il punto della situazione.

«Le difficoltà che stiamo registrando a Belluno sono le stesse degli altri territori del Veneto – afferma il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Se è vero che la montagna paga il fatto di essere periferia, è altrettanto vero che la specificità data dal turismo può essere uno strumento di salvaguardia ulteriore del nostro tpl. Abbiamo ribadito però che servono misure emergenziali e serve soprattutto un forte impegno da parte dello Stato per evitare di mandare in crisi il sistema del trasporto pubblico».

Quanto alla ripartenza del servizio, che nel Bellunese arriverà al 60% delle corse con la programmazione estiva (a partire da luglio), Regione e Province attendono di capire cosa succederà a settembre. «Rimaniamo in attesa delle linee guida per la ripresa della scuola, nel frattempo la Regione sta cercando di individuare la modalità corretta per eliminare i distanziamenti sui mezzi pubblici, mantenendo l’uso della mascherina – continua il presidente Padrin -. Nel momento in cui avremo la certezza delle lezioni in presenza a settembre e misure certe per il servizio degli autobus, sarà immediata la riattivazione al 100 per cento».

Tra le difficoltà che stanno pesando sul tpl (non solo bellunese), anche la presenza ancora massiccia di smart working. «L’assessore De Berti e gli uffici regionali parlano del 50 per cento dei lavoratori ancora a casa; ovviamente questo incide inevitabilmente sulle modalità e i tempi della ripartenza – conclude il presidente Padrin -. Abbiamo riaggiornato la riunione per la prossima settimana. Nel frattempo cercheremo di capire anche come potrà essere attivato il rimborso degli abbonamenti non usufruiti durante il lockdown. Apprezzo l’approccio del tavolo regionale: è interesse di tutti far funzionare il trasporto pubblico locale, all’interno di un sistema coeso e integrato».

Share
- Advertisment -



Popolari

Aperta la nuova Patologia neonatale a Feltre

Oggi è stata aperta la nuova Patologia neonatale dell’ospedale di Feltre dopo i lavori di ristrutturazioni e adeguamento normativo, con un investimento di circa...

Bim Gsp. Attilio Sommavilla subentra a Giuseppe Vignato alla presidenza della società

Attilio Sommavilla, dottore commercialista e revisore contabile, è il nuovo presidente di Bim Gestione Servizi Pubblici, la società interamente pubblica, partecipata al 100% dai...

Visita lampo a Belluno del capo della Polizia Gabrielli

Nella mattinata di oggi, il capo della Polizia - Direttore generale della Pubblica Sicurezza prefetto Franco Gabrielli, ha incontrato in forma privata le donne...

Il Fondo Letta Comuni confinanti, è stato approvato. De Menech: «In media 1 milione a Comune. Ora i bandi»

Roma, 9 luglio 2020  - È stato approvato oggi in via definitiva dalla Commissione Bilancio della Camera lo schema di decreto del presidente del...
Share