13.9 C
Belluno
venerdì, Luglio 10, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Lockdown, persi 500mila turisti. Scarzanella: «Lavoriamo per promuovere il mercato italiano, strettamente...

Lockdown, persi 500mila turisti. Scarzanella: «Lavoriamo per promuovere il mercato italiano, strettamente connesso all’artigianato»

Claudia Scarzanella

«Da settimane sentiamo dire che l’estate 2020 sarà quella giusta per il turismo della montagna. Adesso abbiamo il dovere di fare in modo che sia così. Per il turismo e anche per l’artigianato, che è strettamente connesso». Non ha dubbi la presidente di Confartigianato Belluno, Claudia Scarzanella, che guarda all’indagine elaborata dall’Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto (basata su dati della Regione Veneto). E misura gli effetti del coronavirus sul territorio bellunese.

Secondo le ultime rilevazioni, i 100 giorni di lockdown hanno lasciato in Veneto un “buco” da 4,5 milioni di arrivi e 12,5 milioni di presenze (il 67,4% stranieri). A tanto infatti ammontavano nel 2019 i flussi turistici nei mesi di marzo, aprile e maggio. Un blocco che ha fatto venire meno 4 miliardi di fatturato e mandato in fumo almeno 3 miliardi di consumi turistici. A livello bellunese i mancati ricavi del turismo sono significativi. L’indagine registra nel periodo marzo-giugno dello scorso anno 128.934 arrivi e 477.286 presenze. «Di queste, 226.397 erano state presenze straniere, circa la metà – sottolinea la presidente Scarzanella -. Le Dolomiti e i nostri paesi lavorano molto con la clientela straniera, fatta di escursionisti tedeschi, austriaci e inglesi. Anche durante il periodo estivo. Il fatto che i viaggi internazionali saranno fortemente ridotti anche oltre il mese di giugno ci fa pensare che gli effetti del lockdown sul turismo bellunese saranno particolarmente pesanti. È per questo che dobbiamo fare in modo di intercettare il mercato italiano e promuovere la destinazione montagna e Dolomiti bellunesi come sana, salutare, sicura e in grado di rispondere a quelle che sono le richieste della clientela, sotto il profilo dell’accoglienza e della ricettività, ma anche dal punto di vista gastronomico, sportivo e culturale. Il turismo è uno dei motori indispensabili per il territorio, anche perché muove un indotto che interessa da vicino il mondo dell’artigianato».

Anche in questo caso, i numeri parlano chiaro: a livello provinciale sono oltre 500 le imprese artigiane potenzialmente coinvolte dalla domanda turistica. «Più o meno il 12% delle imprese artigiane totali del Bellunese – spiega la presidente Scarzanella -. Parliamo di bar, ristoranti, pasticcerie, ma anche di attività ricreative e di intrattenimento, di edicole, attività culturali e trasporto persone. Una fetta importantissima del tessuto imprenditoriale per la quale avere o non avere turismo fa la differenza. Perché la montagna possa davvero recitare un ruolo da protagonista nell’estate 2020, dobbiamo fare in modo di lavorare in sinergia. Recuperare le perdite del lockdown sarà impossibile nel breve termine. Ma salvare l’estate e l’autunno è un obiettivo raggiungibile».

Share
- Advertisment -



Popolari

Aperta la nuova Patologia neonatale a Feltre

Oggi è stata aperta la nuova Patologia neonatale dell’ospedale di Feltre dopo i lavori di ristrutturazioni e adeguamento normativo, con un investimento di circa...

Bim Gsp. Attilio Sommavilla subentra a Giuseppe Vignato alla presidenza della società

Attilio Sommavilla, dottore commercialista e revisore contabile, è il nuovo presidente di Bim Gestione Servizi Pubblici, la società interamente pubblica, partecipata al 100% dai...

Visita lampo a Belluno del capo della Polizia Gabrielli

Nella mattinata di oggi, il capo della Polizia - Direttore generale della Pubblica Sicurezza prefetto Franco Gabrielli, ha incontrato in forma privata le donne...

Il Fondo Letta Comuni confinanti, è stato approvato. De Menech: «In media 1 milione a Comune. Ora i bandi»

Roma, 9 luglio 2020  - È stato approvato oggi in via definitiva dalla Commissione Bilancio della Camera lo schema di decreto del presidente del...
Share