13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Cronaca/Politica Assistenti civici. De Carlo: "Ai comuni serve gente che lavori. Perché non...

Assistenti civici. De Carlo: “Ai comuni serve gente che lavori. Perché non obbligare i percettori del reddito di cittadinanza?”

“Ai comuni serve gente che prenda una scopa per pulire le strade, o accenda un decespugliatore per sfalciare i prati, non che stia in piazza a guardare gli altri. Perché non si è voluto obbligare i percettori di reddito di cittadinanza a mettersi a disposizione dei Comuni per tutto quello che gli enti necessitano?”: il sindaco di Calalzo di Cadore e coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, si scaglia contro la nuova proposta dell’istituzione su base volontaria degli assistenti civici.

“È un provvedimento sbagliato e che umilia chi lavora davvero: la confusione dentro al governo è tale che prima esce una bozza secondo la quale possono arruolarsi come assistenti civici solo i percettori del reddito di cittadinanza, poi – quando ci si è resi conto che nessuno si sarebbe prestato, dato che continuano a prendere il loro assegno anche senza lavorare – si è deciso di allargare l’arruolamento a tutti i cittadini maggiorenni. Ovviamente a costo zero, ad esclusione della copertura assicurativa, e senza dar loro una lira”, sottolinea De Carlo. “Voglio ancora ricordare, come sto facendo senza risposta ormai da un anno, che è dall’aprile 2019 che chi intasca il reddito di cittadinanza dovrebbe per legge lavorare per i comuni, ma ancora non si è visto nessuno: i nostri enti attendono da più di 12 mesi la possibilità di impiegare queste persone sul territorio; parliamo di centinaia di migliaia di ore di lavoro possibili e che non vengono concretizzate, ma che vengono pagate da tutti noi a gente che incassa assegni senza lavorare”.

“Non era più logico mettere a disposizione dei comuni queste persone e lasciare poi ai comuni la possibilità di impegnarli nei settori dove c’è necessità?”, chiede De Carlo. “Certo, va bene la sorveglianza dei parchi o dei mercati, anche la pulizia delle giostrine nei parchi giochi; ma a noi serve soprattutto pulire le strade, sfalciare i prati, tappare le buche sulle nostre strade. Ci serve gente che lavori davvero, non che stia in piazza a guardare gli altri”.
“Certo però” conclude De Carlo “questo governo avrebbe perso una fetta importante del suo elettorato se avesse finalmente costretto a tirarsi su le maniche chi viene pagato per non lavorare. Hanno sconfitto la povertà con il lavoro e il sudore di chi si impegna tutti i giorni per portare a casa uno stipendio e per dare un’occupazione a padri e madri di famiglia, mentre c’è gente stipendiata da tutti noi che per opportunismo politico viene lasciata sul divano nonostante le leggi. Tutto questo è ingiusto e umiliante”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Bitfinex: svelato il mistero dietro il lancio di LEO

La rimonta di Bitfinex presso il pubblico cinese negli ultimi anni ha sorpreso non pochi degli investitori interessati alle criptovalute. L’exchange, infatti, non se...

Interventi in montagna. In Nevegal muore 77enne sul sentiero

Belluno, 07 - 07 - 20   Attorno alle 14.30 la Centrale del 118 è stata allertata da una persona imbattutasi in un uomo a...

Acc Wanbao. Incontro in Regione con istituti di credito. Donazzan: “La Regione lavora per fare sistema sul piano industriale di rilancio

Venezia, 7 luglio 2020  Oggi, alla presenza dell’assessore regionale Elena Donazzan, assistita dall’Unità di crisi aziendali e da Veneto Sviluppo, si è svolto l’incontro tra...

Belluno e Senigallia. Accordo di collaborazione per la reciproca promozione turistica

Matrimonio tra le Dolomiti e l'Adriatico. Nasce sotto il segno della reciproca promozione turistica la collaborazione tra il Comune di Belluno e quello di...
Share