13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Cronaca/Politica A Cencenighe Agordino si cerca Carlo Manfroi

A Cencenighe Agordino si cerca Carlo Manfroi

Cencenighe Agordino (BL), 24 – 05 – 2020 -Aggiornamento ore 20.00 –
Sono ancora senza esito le ricerche di Carlo Manfroi, 63 anni, di Cencenighe Agordino (BL), uscito ieri per una passeggiata, come d’abitudine, e non più rientrato. L’uomo è partito assieme al suo cane dalla propria abitazione a Chenet in mattinata, da dove, in una decina di minuti di sterrata, si raggiunge Bricol da cui parte una rete di sentieri denominata Le Ial, sotto il Monte Pelsa. Quando alle 13.30 però il cane è ritornato da solo, la moglie ha atteso invano il marito, per poi lanciare preoccupata l’allarme alle 16. La ricerca, che ha coinvolto una settantina di persone si è concentrata sui sentieri principali per allargarsi oltre ed arrivare fino al Cordevole. I Vigili del fuoco hanno bonificato i corsi d’acqua, da Avoscan al Lago di Cencenighe. L’elicottero della Guardia di finanza di Bolzano con a bordo personale del Soccorso alpino di Agordo ha sorvolato a lungo l’area. Controllata la zona prossima a Bricol e all’abitato a nord e a sud. Erano presenti il Soccorso alpino di Agordo, Alleghe, Val Biois, del Sagf di Cortina e Auronzo, i Vigili del fuoco. Una decina le unità cinofile tra Soccorso alpino, Guardia di finanza e Associazione nazionale dei Carabinieri. Tre i cani molecolari dell’Alpenverein.
Carlo, che è alto un metro e ottanta circa ed è di corporatura longilinea, indossa pantaloncini corti color carta da zucchero, una giacca azzurra e scarpe da ginnastica bianche. Chiunque avesse sue notizie è pregato di contattare i carabinieri. Domani ci si concentrerà in alcune zone primarie e sarà valutato con la Prefettura come procedere nei prossimi giorni.

Cencenighe Agordino (BL), 24 – 05 – 20 Sono riprese questa mattina alle 6 le ricerche di Carlo Manfroi, 63 anni, di Cencenighe Agordino (BL), uscito ieri per una passeggiata, come d’abitudine, e non più rientrato. L’uomo è partito assieme al suo cane dalla propria abitazione a Chenet in mattinata, da dove, in una decina di minuti di sterrata, si raggiunge Bricol da cui parte una rete di sentieri denominata Le Ial, sotto il Monte Pelsa. Quando alle 13.30 però il cane è ritornato da solo, la moglie ha atteso invano il marito, per poi lanciare preoccupata l’allarme alle 16. Il Soccorso alpino di Agordo, assieme a quello della Val Biois e Alleghe, Sagf e Vigili del fuoco, ha subito iniziato a setacciare l’area, arrivando alla Ferrata Fiamme Gialle e proseguendo fino a notte. In questo momento una sessantina di persone suddivise in squadre stanno partecipando alla sua ricerca, sui sentieri battuti, come nelle zone circostanti. Le perlustrazioni sono state allargate a sentieri laterali e alla parte bassa vicino a casa. Sono presenti il Soccorso alpino di Agordo, Alleghe, Val Biois, del Sagf di Cortina e Auronzo, i Vigili del fuoco. Una decina le unità cinofile tra Soccorso alpino, Guardia di finanza e Associazione nazionale dei Carabinieri. Tre i cani molecolari dell’Alpenverein.
Carlo, che è alto un metro e ottanta circa ed è di corporatura longilinea, indossa pantaloncini corti color carta da zucchero, una giacca azzurra e scarpe da ginnastica bianche. Chiunque avesse sue notizie è pregato di contattare i carabinieri.

Share
- Advertisment -



Popolari

Bitfinex: svelato il mistero dietro il lancio di LEO

La rimonta di Bitfinex presso il pubblico cinese negli ultimi anni ha sorpreso non pochi degli investitori interessati alle criptovalute. L’exchange, infatti, non se...

Interventi in montagna. In Nevegal muore 77enne sul sentiero

Belluno, 07 - 07 - 20   Attorno alle 14.30 la Centrale del 118 è stata allertata da una persona imbattutasi in un uomo a...

Acc Wanbao. Incontro in Regione con istituti di credito. Donazzan: “La Regione lavora per fare sistema sul piano industriale di rilancio

Venezia, 7 luglio 2020  Oggi, alla presenza dell’assessore regionale Elena Donazzan, assistita dall’Unità di crisi aziendali e da Veneto Sviluppo, si è svolto l’incontro tra...

Belluno e Senigallia. Accordo di collaborazione per la reciproca promozione turistica

Matrimonio tra le Dolomiti e l'Adriatico. Nasce sotto il segno della reciproca promozione turistica la collaborazione tra il Comune di Belluno e quello di...
Share