13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 5, 2020
Home Cronaca/Politica Zone rosse venete “sparite” dal DL rilancio. De Carlo: “Inconcepibile e gravissimo....

Zone rosse venete “sparite” dal DL rilancio. De Carlo: “Inconcepibile e gravissimo. I veneti valgono meno degli altri italiani?” Bond: “Appello ai ministri veneti”

“Evidentemente, a questo governo piace creare cittadini di serie A e di serie B: dopo il bonus mobilità negato ai piccoli comuni, ecco che adesso dal Decreto Rilancio spariscono le zone rosse del Veneto. Forse la vita dei nostri 1800 morti e i posti di lavoro persi da oltre 60mila veneti valgono meno che nel resto d’Italia?”: il deputato e coordinatore veneto di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, torna ad attaccare l’esecutivo sui 200 milioni di euro assegnati alle zone rosse di Lombardia ed Emilia Romagna, ma negate al Veneto.
“Da un lato, c’è l’indecorosa retromarcia, che come annunciato sarà oggetto di ricorso da parte della Regione Veneto, che ha prima visto inseriti e poi cancellati – tutto con un banalissimo comunicato di rettifica, dopo la pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale – i comuni veneti dalla possibilità d’accesso al fondo. Non è grave solo l’atto della cancellazione, ma il modo con cui si è inciso sostanzialmente e non formalmente sulla norma: con quattro righe di nota, che vanno a modificare un testo approvato, bollinato e pubblicato ufficialmente”, sottolinea De Carlo. “Dall’altro, c’è proprio un gravissimo errore di base: vengono ammessi tutti i comuni delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza, ma anche in Veneto abbiamo avuto il riconoscimento di zona rosse per tre intere province: Padova, Treviso e Venezia. Non lo sapevano? Eppure ci sono fior fiore di ministri e sottosegretari veneti… Cosa hanno fatto milioni di veneti per essere ignorati e anche penalizzati da un esecutivo più attaccato alle poltrone che alla vita e al lavoro dei suoi cittadini? I giochetti politici, vedi la farsa sulla sfiducia del ministro Bonafede, se li facciano pure tra di loro, ma non si permettano di prendere in giro centinaia di migliaia di famiglie che hanno perso i propri cari, il proprio lavoro, la speranza di un futuro normale e ora vengono pure beffati da una cancellazione inconcepibile e fuori da ogni logica”.

“Ingiusto e impensabile lasciare i Comuni della nostra regione, il Veneto, esclusi dai fondi destinati alle zone rosse come ad oggi previsto nel DL Rilancio. Invece di limitare i fondi ai Comuni di sole 5 Province, andrebbero estesi a tutte le zone rosse. Nel caso del Veneto ancor di più considerando che la regione ha pagato un caro prezzo in termini di vite umane, Parliamo di oltre 1.800 morti e circa 19 mila malati”. E’ quanto dichiara il deputato veneto di Forza Italia, Dario Bond, che aggiunge “Il decreto va riscritto. Occorre far ragionare il Governo su un errore evidente riconosciuto anche dal ministro degli Esteri Di Maio”. “Faccio un appello ai ministri veneti D’Incà e Fraccaro perché intervengano a difesa della propria terra e affinché si faccia chiarezza. E’ urgente rivedere il Dl Rilancio prevedendo un’estensione giusta e doverosa dei fondi a tutte le province e i comuni diventati zona rossa. Non possiamo penalizzare i territori per assecondare stupidi giochi di potere” conclude Bond.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Arma dei carabinieri festeggia il 206mo anniversario dalla fondazione

Ricorre oggi il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo in quanto coincide con il centenario...

Tre posti di agente di polizia locale a Belluno. Domande entro il 6 luglio

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato di tre agenti di Polizia locale,...

Promozione turistica. Gestione IAT di piazza Duomo e Infopoint in Nevegal al Consorzio Dolomiti Prealpi

Sarà il Consorzio Dolomiti Prealpi a gestire le attività di informazione e promozione turistica attraverso l'ufficio di Piazza Duomo e l'Infopoint del Nevegal. Cinque le...

L’Ulss Dolomiti acquista 12 ecografi

L’Ulss Dolomiti ha deliberato l’acquisto di 12 ecografi per un valore totale di oltre 785.000 euro IVA compresa. L’Ulss Dolomiti ha aderito alla gara indetta...
Share