13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 5, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Mascherine e guanti bellunesi. Via all'acquisto coordinato per i commercianti

Mascherine e guanti bellunesi. Via all’acquisto coordinato per i commercianti

Acquisti coordinati da parte di commercianti e artigiani bellunesi per l’approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale “Made in Belluno”. E’ la proposta avanzata dal sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, alle associazioni di categoria e alle imprese del territorio per trasformare in un fattore positivo per l’economia locale le indicazioni igienico-sanitarie che cittadini e commercianti dovranno rispettare nel post lockdown. L’idea ha già raccolto l’entusiasmo e l’adesione di alcune delle associazioni interessate.

«L’idea è semplice: – spiega Massaro – poiché tutti i commercianti dovranno sostenere spese importanti per assicurarsi le dotazioni necessarie di mascherine, guanti e gel idroalcolico, credo che sarebbe opportuno proporre un sistema di acquisto coordinato, sulla scia dei “gruppi di acquisto solidale”, magari con l’aiuto delle stesse associazioni di categoria, che permetta di spuntare prezzi più vantaggiosi, vista la mole di ordini prevista».
Vantaggi per i commercianti, quindi, ma anche per i produttori: «Dato che queste risorse andranno investite comunque, perché non destinarle ai produttori del territorio? – propone Massaro – Molte aziende della nostra provincia realizzano o si sono convertite alla produzione di mascherine, e altre realtà bellunesi hanno iniziato a creare gel idroalcolico: se coloro che sono tenuti ad avere questi strumenti li acquistassero in gruppo da loro, non si conseguirebbe soltanto una minore spesa, ma anche un’importante ricaduta economica ed occupazionale sul nostro territorio».

Questa quindi la proposta inviata dal primo cittadino alle associazioni per intercettare i produttori locali e arrivare alla costituzione di un gruppo d’acquisto che possa ottenere prezzi agevolati per questi acquisti di massa: «Cerchiamo di convertire gli obblighi nati da questa tragedia sanitaria, sociale ed economica in un’opportunità. – conclude Massaro – Il Comune di Belluno farà la propria parte, ma credo che tutti possiamo contribuire facendo economie di scala e, al contempo, aiutando le imprese del nostro territorio».

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Arma dei carabinieri festeggia il 206mo anniversario dalla fondazione

Ricorre oggi il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo in quanto coincide con il centenario...

Tre posti di agente di polizia locale a Belluno. Domande entro il 6 luglio

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato di tre agenti di Polizia locale,...

Promozione turistica. Gestione IAT di piazza Duomo e Infopoint in Nevegal al Consorzio Dolomiti Prealpi

Sarà il Consorzio Dolomiti Prealpi a gestire le attività di informazione e promozione turistica attraverso l'ufficio di Piazza Duomo e l'Infopoint del Nevegal. Cinque le...

L’Ulss Dolomiti acquista 12 ecografi

L’Ulss Dolomiti ha deliberato l’acquisto di 12 ecografi per un valore totale di oltre 785.000 euro IVA compresa. L’Ulss Dolomiti ha aderito alla gara indetta...
Share