13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 5, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Snodi in quota. Pellegrini: "Approvato il progetto di investimento sociale per giovani...

Snodi in quota. Pellegrini: “Approvato il progetto di investimento sociale per giovani che non lavorano, neolaureati, ultracinquantenni”

Lucia Pellegrini

La Giunta del Comune di Belluno ha approvato il progetto “Snodi in quota. Piattaforma di investimento sociale per Dolomiti inclusive”, che parteciperà al bando finanziato dal Fondo di innovazione sociale della Presidenza del Consiglio dei Ministri con oltre 21 milioni di euro; i progetti che si aggiudicheranno il bando potranno contare su un finanziamento di 150mila euro.

Si tratta di un progetto che coinvolge i 46 Comuni bellunesi del territorio dell’ex Ulss 1 Belluno e che vedrà impegnati anche la Fondazione Università Ca’ Foscari e Metalogos, che opererà in collaborazione con la co-partner Cadore scs.

«”Snodi in quota” vuole essere un impegno contro lo spopolamento e l’impoverimento del nostro territorio. – commenta l’assessore alle politiche sociali, Lucia Pellegrini – Bisogna riorganizzare la rete dei servizi, mettendo come priorità l’attenzione ai working poors, quella fascia di popolazione, emersa con forza in occasione del picco dell’epidemia, che restano ai limiti del mercato del lavoro e che sono stati i primi ad essere colpiti dalla strage occupazionale innescata dal Coronavirus».

L’obbiettivo del progetto è quello di rivedere gli attuali modelli di servizi, ancora troppo poco integrati e poco centrati sulle caratteristiche territoriali; si rende quindi urgente innovare il sistema con modelli “a rete” e con una caratterizzazione comunitaria, per coniugare in modo nuovo bisogni e risorse.
Quattro le sfide principali che dovranno affrontare i partner di “Snodi in quota”: «Pensare un’organizzazione di servizi che consideri la dispersione territoriale e che quindi garantisca uguaglianza di accesso e presidio del territorio; integrare competenze, specificità, servizi per superare la frammentazione e assumere come riferimento di nuovo spazio sociale l’intera comunità locale; – spiega Pellegrini – ridurre il gap tecnologico per sviluppare il capitale umano e ridurre le distanze; sviluppare strumenti finanziari di impatto sociale per massimizzare i risultati di partnership pubblico-private».

Si vuole quindi realizzare degli “snodi territoriali”, realtà in grado di fornire un’ampia gamma di servizi – salute, consulenza, formazione, sicurezza,… – e di raccogliere le opportunità del territorio, integrandole con politiche turistiche, culturali, ambientali, del lavoro, etc.
Il progetto avrà una durata di 36 mesi: «Sarà uno strumento importante per l’avvio della nuova normalità che ci aspetta dopo queste lunghe settimane di lockdown. – conclude Pellegrini – Il nostro target sarà quello emerso dall’analisi dei dati relativi all’emissione dei buoni spesa: giovani NEET (persone che non studiano, che non lavorano e non cercano lavoro, che non frequentano corsi professionalizzanti), neo-laureati, e gli ultracinquantenni in condizioni di marginalità. Vogliamo ampliare le loro opportunità di inserimento lavorativo, rafforzando allo stesso tempo il sistema di relazioni nelle comunità e di valorizzare ancora di più l’impatto sociale delle attività degli enti del terzo settore».

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Arma dei carabinieri festeggia il 206mo anniversario dalla fondazione

Ricorre oggi il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo in quanto coincide con il centenario...

Tre posti di agente di polizia locale a Belluno. Domande entro il 6 luglio

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato di tre agenti di Polizia locale,...

Promozione turistica. Gestione IAT di piazza Duomo e Infopoint in Nevegal al Consorzio Dolomiti Prealpi

Sarà il Consorzio Dolomiti Prealpi a gestire le attività di informazione e promozione turistica attraverso l'ufficio di Piazza Duomo e l'Infopoint del Nevegal. Cinque le...

L’Ulss Dolomiti acquista 12 ecografi

L’Ulss Dolomiti ha deliberato l’acquisto di 12 ecografi per un valore totale di oltre 785.000 euro IVA compresa. L’Ulss Dolomiti ha aderito alla gara indetta...
Share