13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 12, 2020
Home Cronaca/Politica Confronto Stato - Comuni. Massaro: «5 miliardi al più presto ai comuni...

Confronto Stato – Comuni. Massaro: «5 miliardi al più presto ai comuni italiani. Senza fondi, chiudiamo i servizi»

Il presidente nazionale di Anci, Antonio Decaro, e dell’Unione Province Italiane, Michele de Pascale, hanno abbandonato ieri la Conferenza unificata convocata dal Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia: tema del contendere, la mancata consapevolezza da parte del Governo della necessità di risorse economiche per gli enti locali, altrimenti destinati a chiudere servizi.

«Tutti i sindaci hanno fatto quanto era loro richiesto, e forse anche di più, durante questa emergenza, mantenendo sempre un atteggiamento istituzionale che non è mai diventato scontro politico. – commenta il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, presidente della commissione Anci Pubblica amministrazione, personale e relazioni sindacali – Abbiamo sempre rispettato le indicazioni nazionali e regionali, senza mai contrastarle o metterle in discussione; ora però è necessario un segnale concreto da questo Governo. Non stiamo chiedendo senza motivo nuovi e maggiori fondi: stiamo chiedendo il necessario, quello che ci serve per poter chiudere i bilanci. Questa crisi, oltre alla tragedia sanitaria ed economica, sta già portando pesanti diminuzioni di entrate ai comuni, tanto che a Belluno abbiamo attivato un conto corrente per una raccolta fondi che ci possa consentire di continuare a garantire i servizi sociali e quelli essenziali».

«Ricordiamo – continua Massaro – che i comuni gestiscono ed erogano quasi il 90% dei servizi con nemmeno l’8% della spesa pubblica: ormai non riusciamo più a garantire i servizi, e se non arriveranno presto i 5 miliardi chiesti ieri al tavolo saremo presto costretti a tagliarli ulteriormente, se non addirittura a chiuderli. Questo perché sono le stesse leggi dello Stato ad impedire, giustamente, di erogare servizi senza la necessaria copertura finanziaria. Siamo rappresentanti dei cittadini, delle nostre comunità di ogni colore politico, e crediamo che in questa crisi dobbiamo essere tutti impegnati fianco a fianco, senza contrapposizioni: non è infatti nostra intenzione alimentare uno scontro, ma noi, i comuni, i cittadini italiani hanno bisogno di una risposta urgente, altrimenti non potremo fare altro che chiudere i servizi».

Da questa mattina sono in corso i confronti tra i presidenti Decaro e de Pascale con il sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze, Laura Castelli, il viceministro all’Economia, Antonio Misiani, e i tecnici del MEF.
«Questa ulteriore occasione di confronto ci fa ben sperare – conclude Massaro –  e rimarca come la nostra non sia una posizione pregiudiziale, ma aperta al dialogo».

Share
- Advertisment -



Popolari

Quindicenne perde la vita sull’argine del Piave schiacciato tra i massi. Allarme per un ragazzino morso da una vipera

Belluno, 11 - 08 - 20 Attorno alle 16 la Centrale del 118 è stata allertata per un ragazzo 15enne rimasto incastrato tra due...

Anziano parte da Cremona per trovare l’amico di Belluno, ma a Ferrara si perde

Era partito qualche giorno fa dalla provincia di Cremona per ritrovarsi con un amico della provincia di Belluno. Domenica scorsa, non vedendolo arrivare è...

I proprietari del Nevegal in assemblea

Sabato 8 agosto 2020 si è tenuta presso la Sala comunale ex Hall del Complesso Le Torri del Nevegal la prima Assemblea dell’Associazione Proprietari...

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il...

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo...
Share