13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 12, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Comparto moda in ginocchio. Zampieri: "Protraendosi l’emergenza, il calo può arrivare anche...

Comparto moda in ginocchio. Zampieri: “Protraendosi l’emergenza, il calo può arrivare anche a -50%”

Vittorio Zampieri

Questa crisi è planetaria e, dopo quella petrolifera del 1973, sta mettendo in ginocchio l’intero sistema economico, sul fronte della domanda e dell’offerta, ed è molto più acuta e grave anche sul piano sociale.

Nel Terziario uno dei comparti più colpiti dall’emergenza è quello dei negozi di abbigliamento, calzature, articoli sportivi, ovvero quel Settore Moda che a livello provinciale conta centinaia di microimprese in prevalenza a conduzione familiare, le cui vetrine illuminano ed animano tutti i nostri centri abitati.

«Il disastro commerciale per queste attività – afferma Vittorio Zampieri, presidente di Federazione Moda Italia/Confcommercio Belluno – è maturato proprio all’inizio della stagione primavera-estate e, protraendosi l’emergenza, fa prevedere un calo che può arrivare a -50%: il Prodotto Moda viene ordinato in anticipo, ha validità commerciale non oltre i 3-4 mesi, dopo di che verrà stoccato a terzi a pochi euro.

Prima dei decreti di chiusura dei negozi, Federazione Moda Italia aveva avviato le trattative con il Governo per far riconsiderare le difficoltà del settore. Di recente il Presidente Renato Borghi ha ricordato che, secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio se si riaprirà a giugno il solo abbigliamento perderà 6,6 miliardi di euro. Inoltre ha chiesto al Presidente Conte attenzione e rispetto verso un settore chiave del Made in Italy, fatto di 114.813 punti vendita, attivi al 31 dicembre 2019, con 313.074 occupati in tutto il Paese.

«Da subito – continua Zampieri – i nostri negozi di moda, pure stretti tra grande distribuzione e vendite on line, avevano avviato un impegnativo percorso di digitalizzazione con investimenti tecnologici che l’emergenza potrebbe spazzare via.
Sconfitto prioritariamente il virus, si dovrà tornare a ripopolare le città, favorendo gli acquisti di vicinato e promuovendo una profonda riflessione sui valori di un mondo sempre più fisico, meno virtuale e virale.

Per tornare a città vive e animate – conclude Zampieri – il Governo dovrà pensare al comparto Moda, con le sue migliaia di piccole attività che caratterizzano i nostri centri minori, come ad un tassello socio economico e turistico fondamentale, sostenendone sopravvivenza e rinascita con ogni misura necessaria, pena a emergenza finita, il vuoto assoluto con quanto ne consegue».

Share
- Advertisment -



Popolari

Quindicenne perde la vita sull’argine del Piave schiacciato tra i massi. Allarme per un ragazzino morso da una vipera

Belluno, 11 - 08 - 20 Attorno alle 16 la Centrale del 118 è stata allertata per un ragazzo 15enne rimasto incastrato tra due...

Anziano parte da Cremona per trovare l’amico di Belluno, ma a Ferrara si perde

Era partito qualche giorno fa dalla provincia di Cremona per ritrovarsi con un amico della provincia di Belluno. Domenica scorsa, non vedendolo arrivare è...

I proprietari del Nevegal in assemblea

Sabato 8 agosto 2020 si è tenuta presso la Sala comunale ex Hall del Complesso Le Torri del Nevegal la prima Assemblea dell’Associazione Proprietari...

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il...

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo...
Share