13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 6, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Cortina, chiudono gli impianti. “La salute prima di tutto”

Cortina, chiudono gli impianti. “La salute prima di tutto”

Il Consorzio Esercenti Impianti a Fune di Cortina d’Ampezzo, Auronzo, Misurina e San Vito annuncia la chiusura degli impianti delle seguenti società: Tofana 2021 Srl, Tofana Srl (mercoledì 11 marzo), Ista Spa, Averau Srl, Lagazuoi Spa, Impianti Scoter Srl (San Vito), Auronzo d’Inverno Srl e Misurina Neve Srl (venerdì 13 marzo). Nelle aree della società Faloria Spa si scia sul Cristallo fino al 13 aprile, in Faloria fino al 3 maggio

Cortina d’Ampezzo, 9 marzo 2020_La salute prima di tutto. Anche gli impianti sciistici di Cortina d’Ampezzo, sensibili alla situazione che il nostro Paese sta vivendo, scelgono di chiudere in anticipo la stagione invernale.

Il Consorzio Esercenti Impianti a Fune di Cortina d’Ampezzo, Auronzo, Misurina e San Vito comunica la decisione della chiusura degli impianti sciistici, frutto di una scelta di grande rispetto e senso di responsabilità nei confronti degli ospiti della località, di chi vi lavora e di chi la abita tutto l’anno.

Mercoledì 11 marzo 2020 sarà l’ultimo giorno per gli impianti delle società Tofana 2021 Srl e Tofana Srl, mentre dalla sera di venerdì 13 chiuderanno gli impianti delle società Averau Srl, Ista Spa, Lagazuoi Spa, Impianti Scoter Srl (San Vito), Auronzo d’Inverno Srl e Misurina Neve Srl. Si potrà sciare sugli impianti della società Faloria Spa fino al 13 aprile nell’area del Cristallo, e fino al 3 maggio nell’area del Faloria.

La decisione giunge in seguito agli sviluppi legati all’urgenza sanitaria delle ultime 48 ore in Italia e in Europa. La scelta delle società è in linea con la dichiarazione, nella mattinata di lunedì 9 marzo, del Dolomiti Superski, che annunciava la chiusura dei suoi impianti a partire dalla sera di martedì 10 marzo. La località ampezzana, seppure non obbligata né inclusa nelle valli considerate zone rosse, dopo una consultazione con le categorie economiche ha disposto la chiusura degli impianti a partire dalle date sopracitate per cercare di contenere l’emergenza legata al virus e consentire agli ospiti di gestire al meglio il proprio rientro programmato durante il fine settimana.

“Abbiamo una grande responsabilità dei confronti dei nostri ospiti e dei nostri cittadini – ha dichiarato Marco Zardini, Presidente del Consorzio – e in questi giorni difficili per tutti vogliamo dare il nostro concreto contributo per arginare la diffusione del virus, ma contemporaneamente consentire ai nostri ospiti di rientrare a casa senza situazioni di panico, dando loro il tempo di organizzare il rientro”.

Il Presidente e il Consorzio desiderano ringraziare chi ha contribuito a questa stagione: un granmarzé a tutti coloro che hanno lavorato per la sua buona riuscita, a tutti gli sciatori che hanno potuto approfittare della bellezza del nostro territorio, a chi frequenta questa località da sempre e chi invece l’ha appena scoperta, a chi ha scelto Cortina per le proprie vacanze e a chi l’ha scelta come casa. Continueremo a lavorare con serietà ed impegno per ripartire con slancio nella stagione estiva.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Arma dei carabinieri festeggia il 206mo anniversario dalla fondazione

Ricorre oggi il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo in quanto coincide con il centenario...

Tre posti di agente di polizia locale a Belluno. Domande entro il 6 luglio

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato di tre agenti di Polizia locale,...

Promozione turistica. Gestione IAT di piazza Duomo e Infopoint in Nevegal al Consorzio Dolomiti Prealpi

Sarà il Consorzio Dolomiti Prealpi a gestire le attività di informazione e promozione turistica attraverso l'ufficio di Piazza Duomo e l'Infopoint del Nevegal. Cinque le...

L’Ulss Dolomiti acquista 12 ecografi

L’Ulss Dolomiti ha deliberato l’acquisto di 12 ecografi per un valore totale di oltre 785.000 euro IVA compresa. L’Ulss Dolomiti ha aderito alla gara indetta...
Share