13.9 C
Belluno
martedì, 31 Marzo, 2020
Home Cronaca/Politica Corona-virus. Massaro propone all'Anci il rinvio delle scadenze fiscali: «L'allarmismo mette in...

Corona-virus. Massaro propone all’Anci il rinvio delle scadenze fiscali: «L’allarmismo mette in ginocchio il turismo»

Belluno, 26 febbraio 2020  –  Non c’è solo l’allerta sanitaria nei pensieri del sindaco di Belluno per quanto riguarda la diffusione del Coronavirus: il primo cittadino denuncia i rischi per l’economia e il turismo provinciale.

«Ho già interessato ANCI affinché proponga al Governo il rinvio delle prossime scadenze fiscali, la prima delle quali fissata già per il prossimo 29 febbraio (come le dichiarazioni IVA; scadenza che slitta a lunedì 2 marzo, visto che il 29 cade di sabato). – spiega il sindaco Massaro – Un conto è mantenere alta l’allerta, un altro è diffondere un assurdo allarmismo che mette in ginocchio la nostra economia. Dobbiamo sostenere i nostri imprenditori in un momento già particolarmente difficile: non possiamo infatti dimenticare come questo evento arrivi a pochi mesi dalla tempesta Vaia, i cui danni ed effetti sulla nostra economia ancora si fanno sentire».

In particolare, il primo cittadino guarda alla situazione turistica: «Stanno fioccando le disdette in tutte le località della provincia, situazione che poi si riversa sul commercio locale. Sono disdette che, se si guarda alla reale situazione, non hanno logica. Sono a conoscenza di imprese che hanno rinviato le visite esterne, con evidenti ricadute sulle prenotazioni nei nostri alberghi; ci sono già hotel che chiudono i ristoranti per mancanza di clienti, e albergatori pronti a chiudere già ora la stagione; leggo di persone che diffondono timori legati agli importanti appuntamenti delle finali di Coppa del mondo di sci alpino di Cortina, previste per metà marzo, nonostante l’ordinanza regionale abbia come scadenza il primo marzo: questo scenario rischia di provocare un vero disastro economico per la nostra provincia. Non possiamo permetterci in piena stagione turistica una simile desertificazione. L’attenzione è giustamente alta, ma il panico, soprattutto se ingiustificato, non genera mai risultati positivi per nessuno».

Il sindaco di Belluno lancia quindi la richiesta al Governo, «affinché, oltre all’accesso alla cassa integrazione, ci sia un rinvio delle scadenze fiscali e vengano introdotti delle modalità di incentivo e sostegno da parte dello Stato in queste zone».

Share
- Advertisment -

Popolari

Non usate candeggina per pulire le strade. La segnalazione del WWF Belluno Treviso

Leggiamo nelle vostre pagine dell'iniziativa della provincia di Belluno relativa alla sanificazione delle strade. La cosa lascia alquanto perplessi, perché un provvedimento dai dubbi...

Coronavirus e truffe raccolta fondi e beneficenza. L’allerta della Polizia Postale

Se qualsiasi crimine contro il patrimonio è un atto sbagliato e da censurare, alcuni lo sono particolarmente, specialmente quando riguardano la beneficenza e gli...

La pittrice bellunese Rosanna Cecchet al Tgcom24

Viene da Feltre, Rosanna Cecchet, artista di Spoleto Arte, associazione culturale presieduta da Salvo Nugnes. Con i suoi dipinti sarà al centro del nuovo...

Anche la Provincia partecipa al minuto di silenzio per le vittime del coronavirus

Anche la Provincia di Belluno ha partecipato alla brevissima cerimonia indetta in tutta Italia in memoria delle vittime del coronavirus, come indicato dall’Upi e...
Share